Rientro a scuola, ANP: dubbi su lezioni di 40 minuti. Impossibile garantire la sicurezza

di redazione

item-thumbnail

Il presidente dell’Associazione nazionale presidi Antonello Giannelli lancia l’allarme: impossibile riaprire le scuole in sicurezza.

I dirigenti scolastici sono preoccupati per l’edilizia scolastica, per le classi di 30 alunni, per la rimodulazione degli orari della didattica e per la eccessiva burocrazia. Preoccupazioni anche per le norme di sicurezza, per la possibilità delle mini lezioni di 40 minuti suggerite dal Comitato tecnico scientifico (necessarie per permettere la piena ripresa didattica a scaglioni), che pero richiedono una rivoluzione degli orari, e soprattutto l’attuale responsabilità penale in materia infortunistica.

Giannelli chiede anche maggiori risorse umane e di assicurare l’assunzione a settembre dei dirigenti amministrativi vincitori di concorso.

Per la sicurezza il governo ha messo a disposizione 331 milioni per la ripartenza della scuola a settembre e 39 milioni per far svolgere gli esami di maturità in presenza: le scuole potranno acquistare mascherine, guanti, gel ma anche piattaforme e strumenti digitali di supporto al recupero delle difficoltà di apprendimento, pure per la didattica a distanza e biglietti per visite guidate virtuali.

Inizio anno scolastico, in arrivo 331 milioni alle scuole: si dovranno spendere entro il 30 settembre. Cosa si potrà comprare

Versione stampabile
Argomenti:

soloformazione