Ricostruzione di carriera: è nuova vittoria Anief sul diritto al riconoscimento del servizio nelle paritarie

Messaggio sponsorizzato

item-thumbnail

Comunicato Anief – Arriva una nuova vittoria Anief sul diritto al riconoscimento del servizio svolto nelle scuole paritarie ai fini della ricostruzione di carriera:

 con una sentenza esemplare che accoglie pienamente le tesi sostenute dal nostro sindacato, gli avvocati Fabio Ganci, Walter Miceli e Elda Izzo ottengono ragione anche presso il Tribunale del Lavoro di Salerno e impongono al Miur il riconoscimento del pieno diritto di una docente al computo, in sede di ricostruzione della carriera, ai fini giuridici ed economici dell’intero servizio preruolo svolto alle dipendenze di una scuola paritaria, condannando l’amministrazione al collocamento della docente nella fascia stipendiale corrispondente all’intera anzianità di servizio maturata e al pagamento delle relative differenze retributive.

“Già la Corte di Cassazione con sentenza n. 16623 del 2012 – ricorda Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – ha affermato che in tema di personale docente delle scuole statali, l’art 1 del dl 370 del 1970, convertito nella legge 576 del 1979, che prevede, ricorrendone i presupposti, il riconoscimento ai fini giuridici ed economici del periodo di insegnamento pre-ruolo, si applica, per effetto della sentenza n. 228 del 1986 della Consulta, anche in riferimento alle attività svolte dal docente presso altro istituto scolastico non statale o pareggiato, purché sussista, tra i diversi istituti, identità di titolo di studio, durata degli anni scolastici, orari e programmi. L’attività di insegnamento è l’unica attività “che viene obiettivamente e logicamente in rilievo nella sua omogeneità rispetto a quella svolta in sede statale”, dunque non vi è nessun motivo che giustifichi il mancato riconoscimento di tale servizio ai fini della ricostruzione di carriera una volta assunti in ruolo nella scuola statale”. Il Giudice del Lavoro di Salerno, infatti, accoglie senza riserve il ricorso Anief ed evidenzia come “risulterebbe del tutto irragionevole non riconoscere il servizio pregresso svolto in scuole paritarie stante l’identità del piano dell’offerta formativa e del servizio svolto”. 

Per ulteriori informazioni sui ricorsi Anief per ottenere il riconoscimento del servizio svolto nelle scuole paritarie ai fini della ricostruzione di carriera, clicca qui.

Versione stampabile
Argomenti: