Ricostruzione di carriera sarà affidata al MEF, pensionamenti all’INPS. Sgravio segreterie e Uffici Scolastici

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Queste due delle novità presentate dal Miur ai sindacati durante una recente riunione avente per oggetto la semplificazione amministrativa.

Avevamo già riferito che, grazie all’imminente concorso per 253 funzionari e 5 Dirigenti Amministrativi la gestione del contenzioso sarà di competenza degli Uffici Scolastici regionali. Concorso Miur, 258 posti per funzionari e dirigenti. Come presentare domanda. Bando in GU il 27 marzo

Altre novità saranno l’affidamento della gestione delle domande di ricostruzione carriera al MEF e delle domande dei pensionamenti direttamente dall’INPS.

In questo modo le segreterie scolastiche potranno essere sgravate da alcune incombenze burocratiche che, a causa del blocco delle supplenze in questi anni, sono diventate ingestibili.

Basti pensare alle domande di ricostruzione carriera. Ampiamente superata la data del 28 febbraio, indicata dalla Legge La Buona Scuola come limite per la comunicazione dell’esito della domanda, sembra che le scuole siano riuscite ad evadere ancora solo il 10% delle domande presentate entro il 31 dicembre. Di conseguenza ancora numeroso il personale che attendere di conoscere il corretto inquadramento stipendiale per capire quando spetta il passaggio al gradone successivo. Ricostruzione di carriera entro il 28 febbraio, emesso soltanto il 10% dei decreti. Le conseguenze

E anche per i pensionamenti si naviga a vista. I numeri ci sono Posti liberi dopo pensionamenti 7mila posti ATA e 25.000 docenti. Vediamo dove ma sono ancora poche le province che hanno concluso i controlli Pensioni 2018. I dati dei pensionandi da settembre degli Uffici Scolastici Provinciali pubblicati finora

Numeri e posti necessari per la costituzione degli organici per l’a.s. 2018/19 e per la presentazione delle domande di mobilità, che prenderanno il via il 3 aprile.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione