Ricostruzione carriera, cosa devono fare le scuole per applicazione nuovo CCNL. Indicazioni Miur

di redazione

item-thumbnail

Il Miur, con nota n. 2422 del 7 dicembre 2018, ha fornito indicazioni in merito all’aggiornamento delle funzioni di Gestione della carriera del personale scolastico in seguito all’applicazione del CCNL 2016‐18.

Il Ministero, in pratica, ha fornito alle scuole indicazioni riguardo alla Ricostruzione di carriera del personale docente, educativo e ATA, alla luce degli aumenti stipendiali derivanti dal summenzionato CCNL.

Adeguamento procedure

L’Amministrazione comunica che è disponibile, nell’area SIDI “Gestione Giuridica”, l’adeguamento delle procedure di “Riconoscimento Servizi e Benefici”, “Definizione della Progressione Carriera” e “Stato Matricolare” per l’applicazione del CCNL 19 aprile 2018.

Cosa devono fare le scuole

Le scuole, al fine suddetto, devono svolgere tutta una serie di operazioni che riportiamo di seguito, così come sono state illustrate nella nota.

– Per il personale docente ed educativo (compresi gli insegnanti di religione), esposizione di quattro nuovi articoli:

  • attribuzione degli incrementi previsti nella tabella A1 allegata al C.C.N.L. 19‐04‐2018 alle date del 1° gennaio 2016 e 1° gennaio 2017;
  • attribuzione alla data del 1° marzo 2018 dello stipendio a regime previsto nella tabella B1;
  • l’incremento della RPD previsto nella tabella E1.1 allegata al medesimo C.C.N.L.

– Per il personale ATA, esposizione di quattro nuovi articoli:

  • attribuzione degli incrementi previsti nella tabella A1 allegata al C.C.N.L. 19‐04‐2018 alle date del 1° gennaio 2016 e 1° gennaio 2017;
  • attribuzione alla data del 1° marzo 2018 dello stipendio a regime previsto nella tabella B1;
  • l’incremento delle indennità fisse (indennità di direzione o CIA) previsti nelle tabelle E1.2 e E1.3 allegata al medesimo C.C.N.L.

– Per tutto il personale, a partire dalla data del 1° aprile 2018, l’indennità di vacanza contrattuale non è più corrisposta come voce retributiva ed è conglobata nello stipendio tabellare producendo lo stipendio a regime previsto dalla tabella C1 allegata al CCNL:

  • attribuzione dei suddetti incrementi negli articoli di “passaggio a posizione stipendiale successiva”, a partire dal 1° gennaio 2016;
  • attribuzione di detti incrementi “ai soli fini del trattamento di quiescenza”, per il personale cessato dal servizio dal 2 gennaio 2016 (o deceduto il 1° gennaio 2016) al 31 dicembre 2018;
  • predisposizione dei decreti di riconoscimento dei servizi e benefici per il personale immesso in ruolo per la prima volta o passato di ruolo/qualifica nell’a.s. 2016/17 o 2017/18;
  • predisposizione del sistema ad emanare decreti con sviluppo della progressione di carriera in rettifica a precedenti decreti con data di riferimento (inizio sviluppo) non successiva al 1° aprile 2018.

– Per il personale con precedente provvedimento manuale, predisposizione del sistema ad emanare decreti di sviluppo della progressione di carriera con data di riferimento (inizio sviluppo) non successiva al 1° aprile 2018.

– Per il personale riammesso in servizio negli anni scolastici 2016/17 e 2017/18, predisposizione del sistema ad emanare decreti di sviluppo della progressione di carriera per il personale riammesso con decorrenza economica non successiva al 1° settembre 2018.

Le funzioni di interrogazione e stampa delle posizioni giuridico‐economiche dello stato matricolare, leggiamo ancora nella nota, riporteranno in automatico le voci retributive attribuite secondo quanto previsto dal nuovo CCNL 2016-18.

Ricalcolo pratiche

Le pratiche, già presenti a sistema e riguardanti il personale ancora in servizio o cessato dallo stesso dal 2 gennaio 2016, con applicazione del CCNL del 04/08/2011 (“Ultima Norma Applicata” = CCNL 2011, 2014), devono essere ricalcolate o cancellate.

Se la pratica da ricalcolare è relativa ad un passaggio di ruolo/qualifica con decorrenza economica 01/09/2016, sarà  necessario cancellare tale pratica di passaggio e ricalcolarla in base al ruolo precedente, al fine di recepire il nuovo CCNL nell’ultimo inquadramento del ruolo precedente.

Uffici competenti

Le pratiche, per definire la carriera del dipendente, possono essere ricalcolate, completate, modificate o cancellate dall’ufficio (scuola o USP) che le ha aperte e solo sino a quando il dipendente resta in carico al medesimo. In caso di trasferimento del dipendente, il fascicolo passa al nuovo ufficio.

Nei casi di pratiche incomplete, vanno cancellate dal nuovo ufficio, che deve aprirne una nuova. Le pratiche in stato “registrata” possono essere ricalcolate previa rimozione degli estremi del visto.

Caratterizzazione pratiche

In applicazione del CCNL 19/4/2018, le pratiche saranno caratterizzate nel sistema con “Ultima Norma Applicata” = CCNL 2016, 2018.

Per ulteriori dettagli è possibile consultare il manuale utente disponibile in SIDI : Documenti e Manuali‐> Personale Scuola ‐> Guide operative ‐> Ricostruzione carriera.

nota

Versione stampabile