Riconoscimento facciale per segnare le presenze di docenti e studenti. “Così contrastiamo la dispersione scolastica”. Succede in India

WhatsApp
Telegram

Il governo dell’Uttar Pradesh, uno Stato indiano, ha avviato un sistema di monitoraggio della frequenza degli insegnanti e degli studenti basato sul riconoscimento facciale per le scuole pubbliche dello stato.

Lo riporta il sito Business Insider che spiega come tale sistema di monitoraggio delle presenze basato sull’intelligenza artificiale è già stato lanciato a Kasturba Gandhi Balika Vidyalayas (KGBV) – una catena di scuole residenziali destinate a ragazze appartenenti a contesti poveri – per affrontare il problema degli insegnanti delegati e degli studenti fantasma.

Vijay Kiran Anand, direttore generale dell’istruzione scolastica, ha dichiarato: “La tecnologia di riconoscimento facciale (FRT) avrà un duplice scopo. In primo luogo, ci aiuterà a incoraggiare quegli insegnanti le cui lezioni in classe sono emerse come rivoluzionari nel fornire un’istruzione di qualità. In secondo luogo, il sistema risolverà il grosso problema di fornire l’organico“.

La tecnologia è attualmente operativa in Gujarat. Precedentemente, il dipartimento dell’istruzione UP aveva lanciato un programma di “selfie” per contrassegnare la presenza del personale e pagare loro gli stipendi.

“I selfie sono stati caricati dall’esterno dei locali della scuola e non c’era modo di tracciare la loro posizione. L’app Prerna avanzata segnerà solo la presenza di studenti e insegnanti solo se si trovano nel raggio della scuola”, ha spiegato un funzionario.

Invece per quanto riguarda il sistema di intelligenza artificiale studente e docenti dovranno registrarsi con il proprio numero di cellulare a 10 cifre (di solito il numero di guardiani in caso di KGBV) e generare un PIN. Usando questo PIN, le guardie del KGBV useranno le telecamere per scattare fotografie dei locali della scuola e catturare i volti degli insegnanti e di altro personale.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur