Riconoscere la cittadinanza italiana ai minori stranieri legati a un percorso scolastico. Ecco lo Ius Scholae

WhatsApp
Telegram

È in arrivo la legge sulla cittadinanza che riguarderà un milione di ragazzi, figli di immigrati nati e cresciuti in Italia. Potranno diventare cittadini italiani. Il provvedimento introduce lo Ius Scholae.

Un bambino nato in Italia o arrivato in Italia prima di avere compiuto 12 anni, nel momento in cui compie un ciclo scolastico di 5 anni, facendone richiesta, ottiene la cittadinanza italiana, così si legge nella proposta di legge presentata dal M5S.

La legge prevede esclusivamente lo ius scholae, cioè il riconoscimento di cittadinanza ai minori stranieri legato a un percorso scolastico.

A La Repubblica interviene Giuseppe Brescia, deputato del M5S: “Credo che il modello dello ius scholae possa trovare un consenso largo, anche perché mette al centro il valore della scuola, il ruolo dei nostri insegnanti. È in classe che si costruisce la cittadinanza, l’appartenenza a una comunità. Ho lavorato su questo testo semplice che può essere approvato già in questa legislatura”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur