Riceve 50 euro dal nonno come premio e li dona alla scuola alluvionata. Lo splendido gesto di Nicolò, 11 anni: “Quando sarò grande, continuerò ad aiutare”

WhatsApp
Telegram

L’alluvione che ha colpito la Romagna lo scorso maggio continua a lasciare segni indelebili, ma altrettanto incessante è l’ondata di solidarietà verso questa terra.

E quando pensi di aver visto tutto, ecco che arriva una storia che tocca il cuore: un gesto di generosità da un bambino di 11 anni, Nicolò Iacovella.

Una piccola donazione, ma con un impatto emotivo immenso. Nicolò aveva ricevuto 50 euro dal suo nonno come premio per aver ottenuto una borsa di studio. Ma anziché spendere quella somma per se stesso, ha deciso di fare qualcosa di più grande. L’alunno ha donato l’intero importo all’Istituto Matteucci di Faenza, una delle scuole duramente colpite dall’alluvione.

Il 9 settembre, durante una cerimonia presso l’istituto, Nicolò, insieme a suo padre, ha consegnato la donazione alla preside Nicoletta Paterni, alla presenza del dirigente scolastico provinciale Paolo Bernardi e del Prefetto Castrese de Rosa. In questa occasione, Nicolò ha letto una lettera, esprimendo i suoi sentimenti: “Penso ai miei coetanei con le scuole distrutte. Voglio fare un dono, anche se piccolo. Quando sarò grande, continuerò ad aiutare.”

Queste parole hanno risonato con profondità, evidenziando non solo la generosità del giovane, ma anche la sua visione matura del futuro. Il Prefetto ha definito il gesto di Nicolò come “un esempio di cittadinanza attiva delle giovani generazioni”.

La cerimonia ha segnato non solo la generosità di Nicolò ma anche un nuovo inizio per l’Istituto Matteucci. È stata inaugurata la sezione Dada-logica, simbolo della resilienza e della determinazione della comunità scolastica a ripartire, grazie anche alla sinergia tra settore pubblico e privato.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Webinar Eurosofia di presentazione il 26 luglio ore 17.00