Ricciardi: “Limitare la circolazione del virus, solo così le scuole si possono riaprire”

Stampa

“La circolazione del virus oggi è talmente intensa che qualsiasi spostamento/assembramento automaticamente si traduce in infezione, con tutto quello che ne consegue”.

Lo ha affermato ad Agora’ su Rai3, Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute.

L’idea di dare semaforo verde agli spostamenti tra piccoli comuni sotto Natale risulta impraticabile, secondo Ricciardi, sulla base di “un’analisi spassionata e obiettiva della curva epidemica. I casi notificati sono soltanto la punta di un iceberg, come tutte le malattie infettive”.

Il professore ha ricordato che “nella prima parte dell’epidemia, un’indagine epidemiologica evidenziò che nel paese c’erano sei casi non notificati per ogni caso segnalato. Oggi non credo che siamo a quel livello – ha osservato – ma i casi sono perlomeno il doppio, se non il triplo. Questo significa che, di questi casi, un 5% va in ospedale e preme in maniera insopportabile sulla struttura”.

“Dobbiamo limitare la circolazione del virus esterna alle scuole. Se lo facciamo le scuole possono riaprire. Ma se la circolazione del virus non solo non viene limitata, ma viene incentivata, è chiaro che anche riaprire le scuole è un rischio. Le scuole sono sicure se il protocollo del distanziamento e delle mascherine è rispettato. C’è bisogno di una costante attenzione da parte degli insegnanti e dirigenti scolastici”. 

Stampa

Concorso STEM Orale e TFA Sostegno? Preparati con CFIScuola