Ricci (Invalsi): “Parlare male della Dad è ingeneroso verso i docenti. Prove Invalsi sono di cruciale importanza per gli studenti”

WhatsApp
Telegram

Il presidente dell’Invalsi, Roberto Ricci, sul sito ufficiale dell’ente, parla in merito alla didattica a distanza e non solo.

Sulla didattica a distanza: “A questa modalità didattica ci si è spesso riferiti come a una sconfitta, termine che appare piuttosto ingeneroso verso i docenti che hanno utilizzato l’unico strumento possibile per continuare a fare scuola, in un momento in cui la sola alternativa sarebbe stata nessuna didattica”.

Poi aggiunge: “Dare invece a tutti gli allievi l’opportunità di restare connessi con la Scuola ha significato – e significa in alcuni casi – garantire a ogni studente il conseguimento dei traguardi previsti dalle Indicazioni nazionali/Linee guida e rendere così effettiva e agita l’inclusione”.

Sull’importanza delle Prove Invalsi: “Le Prove si sono ancora una volta rivelate di cruciale importanza per capire in quali ambiti gli studenti hanno maggiore bisogno di aiuto e per sostenere la Scuola nel trovare le migliori soluzioni”.

E ancora: Le Prove infatti non servono a dare voti agli studenti, mito ormai sfatato: il loro compito è misurare il livello di alcune competenze fondamentali. Non si tratta di valutazioni alternative a quelle dei docenti ma complementari a queste; la restituzione degli esiti delle Prove serve alle scuole per avere un elemento ulteriore di confronto da cui muovere per il miglioramento”.

Infine: “Ritengo si possa affermare che ci stiamo incamminando su una strada sempre più orientata verso l’obiettivo di rimettere il benessere della Scuola e degli studenti, di tutti gli studenti, al centro dell’attenzione, utilizzando ogni strumento che abbiamo a disposizione. Ed è questa una sfida alla quale ciascuno di noi è chiamato a rispondere”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur