Riapertura scuole, supporto psicologico per gestire lo stress e la paura da contagio: protocollo di sicurezza. BOZZA

Stampa

Le organizzazioni sindacali e l’amministrazione stanno discutendo in merito al protocollo di sicurezza relativo al ritorno a scuola di settembre. Oggi, 6 agosto, nuovo incontro forse per chiudere il testo. Ecco alcune anticipazioni in base alla bozza che Orizzonte Scuola ha visionato in merito al supporto psicologico previsto dal prossimo anno scolastico.

Sul testo provvisorio del protocollo di sicurezza, si legge infatti che sulla base di una Convenzione tra Ministero dell’Istruzione e il Consiglio Nazionale Ordine degli Psicologi, si promuove un sostegno psicologico per fronteggiare situazioni di insicurezza, stress, ansia dovuta ad eccessiva responsabilità, timore di contagio, rientro al lavoro in “presenza”, difficoltà di concentrazione, situazione di isolamento vissuta.

A tale scopo si suggerisce:

– il rafforzamento degli spazi di condivisione e di alleanza tra Scuola e Famiglia, anche a distanza;
– il ricorso ad azioni di supporto psicologico in grado di gestire sportelli di ascolto e di coadiuvare le attività del personale scolastico nella applicazione di metodologie didattiche innovative (in presenza e a distanza) e nella gestione degli alunni con disabilità e di quelli con DSA o con disturbi evolutivi specifici o altri bisogni educativi speciali, per i quali non sono previsti insegnanti specializzati di sostegno.

Si evidenzia che il supporto psicologico sarà coordinato dagli Uffici Scolastici Regionali e dagli Ordini degli Psicologi regionali e potrà essere fornito, anche mediante accordi e collaborazioni tra istituzioni scolastiche, attraverso specifici colloqui con professionisti abilitati alla professione psicologica e psicoterapeutica, effettuati in presenza o a distanza, nel rispetto delle autorizzazioni previste e
comunque senza alcun intervento di tipo clinico.

 

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”