Riapertura scuole superiori: domani si rientra anche in Lombardia, 7 regioni rinviano al 1° febbraio

Stampa

Da lunedì 25 gennaio ritornano in classe gli studenti delle superiori della Liguria, Umbria, Marche e Lombardia. Puglia rinvia ancora il rientro a scuola. Tutti gli ultimi aggiornamenti

Marche: il rientro per le superiori era inizialmente previsto per il 1° febbraio. Il governatore Acquaroli ha pubblicato una nuova ordinanza che prevede il ritorno a scuola il 25 gennaio. Il provvedimento del 5 gennaio è revocato.

Umbria: da lunedì 25 gennaio il 50% degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado umbre tornerà a svolgere l’attività scolastica in presenza, per il restante 50% le lezioni si svolgeranno con la didattica a distanza.

Liguria: dal 25 gennaio studenti superiori in classe. Il presidente Giovanni Toti valuterà se portare la percentuale di popolazione studentesca al 75% nelle prossime settimane.

Lombardia: la regione passa in zona arancione. Potranno rientrare a scuola gli studenti di seconda e terza media e delle superiori, attualmente in Dad.

Covid-19, zona gialla, arancione e rossa: Speranza firma nuova ordinanza. Ecco cosa cambia da domenica 24 gennaio

Cosa succede nelle altre regioni

Puglia: si rinvia ancora. Pubblicata l’ordinanza regionale n.21 del 22 gennaio: dal 1° al 6° febbraio gli studenti delle scuole superiori pugliesi potranno tornare a seguire in presenza le lezioni scolastiche nel limite del 50%. Dovrà essere garantita la didattica digitale integrata per tutti gli studenti le cui famiglie ne facciano richiesta. Anche per il primo ciclo di istruzione dal 25 gennaio si può continuare a richiedere la didattica didattica digitale integrata.

Campania: dal 21 gennaio in classe anche gli alunni di quarta e quinta elementare. Le scuole secondarie di primo grado riprenderanno l’attività didattica in presenza dal 25 gennaio. Le secondarie di secondo grado a scuola in presenza dal 1 febbraio.

Veneto: il Tar del Veneto ha respinto l’istanza di sospensiva presentata da 17 genitori contro l’ordinanza del presidente regionale, Luca Zaia. Le superiori restano pertanto in Dad fino al 31 gennaio.

Emilia Romagna: superiori in classe dal 18 gennaio. Il Tar ha infatti sospeso l’ordinanza regionale che aveva previsto le lezioni da remoto fino al 25 gennaio. L’attività didattica in presenza delle secondarie di secondo grado proseguirà al 50% fino al 6 febbraio, così come chiarito dall’Usr.

Friuli Venezia Giulia: superiori ancora in Dad fino al 31 gennaio.

Sardegna: per le secondarie di secondo grado il rientro è previsto il 1° febbraio.

Sicilia in zona rossa. Il Dpcm del 14 gennaio prevede la didattica a distanza dalla seconda media.

Anche Bolzano in zona rossa ma la scuola resta in presenza.

Molise: gli studenti delle superiori sono rientrati a scuola il 18 gennaio.

Toscana, Abruzzo, Valle d’Aosta: secondarie di secondo grado a scuola dall’11 gennaio.

Piemonte: superiori in presenza dal 18 gennaio. Vademecum

Lazio: gli studenti delle superiori sono rientrati al 50% lo scorso 18 gennaio.

Basilicata: per le scuole superiori della Basilicata la didattica a distanza resterà obbligatoria fino al prossimo 31 gennaio.

Calabria: superiori in Dad fino al 31 gennaio.

Riapertura scuole superiori, si stimano che quasi 300mila studenti torneranno in aula da lunedì 25

Stampa

Concorso STEM Orale e TFA Sostegno? Preparati con CFIScuola