Speranza: sì a seconda dose di Astrazeneca a docenti in assenza di reazioni avverse dopo la prima

Stampa

“Oggi ci sono 13 milioni di somministrazioni di vaccino fatte e da 3 settimane la curva vede un primo segno di piegatura. Con grande franchezza dico che siamo consapevoli che c’è un elemento di rischio con l’aumento movimenti, ma il governo ha fatto una scelta che difendo con forza”.

Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, a Che tempo che fa su Rai3

Grazie alle misure adottate nel mese di marzo e in queste 2 settimane abbiamo accumulato un piccolo tesoretto e abbiamo deciso, a due mesi dalla fine dell’anno scolastico, di investirlo sulla scuola come architrave della società italiana che ha pagato un prezzo altissimo“.

Ci auguriamo di ripartire a settembre in una situazione completamente diversa da oggi grazie alla campagna vaccinale“, ha aggiunto il ministro.

Sui vaccini al personale scolastico, il ministro ha rassicurato: “Più di un milione di somministrazioni di vaccino sono state fatte al personale scolastico, un dato importante“.

La seconda dose – ha concluso – verrà fatta con Astrazeneca. I dati che abbiamo ci indicano che se non ci sono state reazioni avverse nel primo passaggio, non ci saranno neanche nella seconda“.

Stop vaccinazione docenti e ATA

La vaccinazione di docenti e ATA si stoppa. Chi non ha ancora ricevuto la prima dose dovrà attendere, mentre chi dovrà concludere con la seconda dose potrà completare con lo stesso, ovvero per la maggior parte con Astrazeneca. Nell’ultima ordinanza del commissario straordinario Figliuolo viene dara priorità a:

  • persone di età superiore agli 80 anni;
  • persone con elevata fragilità e, ove previsto dalle specifiche indicazioni contenute alla Categoria 1, Tabella 1 e 2 delle Raccomandazioni ad interim, dei familiari conviventi, caregiver, genitori/tutori/affidatari;
  • persone di età compresa tra i 70 e i 79 anni e, a seguire, di quelle di età compresa tra i 60 e i 69 anni, utilizzando prevalentemente vaccini Vaxzevria (l’ex AstraZeneca).

Vaccino Covid, stop alla vaccinazione di docenti e Ata che non hanno ricevuto la prima dose: prima i fragili e gli over 80

La Regione Umbria ha comunicato che dal 12 aprile si ferma la vaccinazione anche del personale scolastico. “Al momento, si legge nell’avviso, si garantisce solo la seconda dose già programmata e non si potranno più programmare prime dosi salvo per i soggetti che rientrano nelle condizioni di estremamente vulnerabili secondo le categorie stabilite a livello nazionale“.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur