Riapertura scuole, la task force siciliana: “Mascherine Ffp2 per i docenti infanzia, primaria e di sostegno”

Stampa

“Lavorare insieme affinché ci possa essere una ripresa delle lezioni in presenza, sia nelle seconde e terze medie, sia negli istituti superiori (al 50 per cento). L’auspicio è quello di tornare in aula il primo febbraio o comunque al cessare della ‘zona rossa’ in Sicilia”.

È quanto ribadito a Palazzo d’Orleans di Palermo, sede del governo regionale, nel corso di una riunione della task-force presieduta da Adelfio Elio Cardinale. Alla riunione ha partecipato anche l’assessore regionale all’Istruzione, Roberto Lagalla.

“C’è l’impegno dell’assessorato alla Salute e di tutto il governo Musumeci – evidenzia Lagalla – ad assicurare lo screening degli alunni dai 14 anni in su, dei docenti e di tutto il personale scolastico, nei drive-in allestiti in tutta l’Isola e a continuare il monitoraggio negli istituti, con le apposite Usca scolastiche, dopo la ripresa”.

La task-force ha ribadito la raccomandazione di utilizzare le mascherine Ffp2 per i docenti di sostegno delle scuole di ogni ordine e grado e per gli insegnanti dell’infanzia e della primaria.

“Confermato anche – aggiunge Lagalla – il potenziamento dei trasporti urbani ed extraurbani in coincidenza con la riapertura degli istituti superiori, secondo i Piani provinciali elaborati e coordinati dalle prefetture”. 

Il commento di Anief

“Prendiamo atto di quanto riferito ed apprezziamo lo sforzo dell’assessore Lagalla anche per avere accolto quanto Anief Sicilia aveva richiesto nei precedenti incontri – dichiara Giovanni Portuesi, presidente Anief Sicilia – apprezziamo che il governo regionale voglia mettere ordine sulle chiusure a macchia di leopardo nel territorio regionale; insistiamo sulla dotazione delle mascherine FFP2 con filtro per le docenti e i docenti dell’infanzia e di sostegno, le sole in grado di garantire una maggiore protezione dei lavoratori anche alla luce di quanto emerge dal documento del DASOE; per questo al tavolo abbiamo chiesto ai rappresentanti sindacali dei dirigenti scolastici di rivedere con gli RSPP, gli RLS e i referenti Covid di ciascuna scuola i piani di prevenzione e protezione introducendo la espressa previsione dell’utilizzo delle mascherine FFP come DPI per i docenti dell’infanzia e di sostegno. Condividiamo le preoccupazioni degli studenti: avanti con lo screening direttamente nelle scuole e riapertura al 1 febbraio solo se sono garantite tutte le condizioni di sicurezza per studenti e personale scolastico e la piena operatività dei piani di trasporto provinciali”.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur