Riapertura scuole, Giani (Toscana): “Sullo stop non ci sono motivazioni politiche”

Stampa

Dietro lo stop delle Regioni governate dal  centrodestra alla immediata riapertura della scuole si nascondono motivazioni politiche? Per il governatore della Toscana, Eugenio Giani non è così.

“No: è un atteggiamento che riflette lo stato della pandemia. Ogni territorio vive una situazione diversa, perciò è evidente la differenza di approccio“, spiega nell’intervista alla ‘Stampa’.

 Noi eravamo pronti a riaprire le scuole superiori il 7 gennaio, ma ci adeguiamo al decreto. Non faccio polemiche con il Governo, perché so che quella data era vista come fumo negli occhi da molti miei colleghi. Alcune Regioni – ricorda – hanno scelto di far slittare le lezioni addirittura a fine mese e il Governo ha tentato di uniformare la ripresa. In 4 giorni cambia poco, però così è stato deciso e rispettiamo l’indicazione“.

Giani tiene a sottolineare che “tra le istituzioni non dobbiamo in alcun modo forzare i contrasti, ma cercare di lavorare insieme“. Quanto alle diverse posizioni fra i governatori regionali, “non c’è confusione – assicura il presidente toscano – Io mi metto nei panni di Luca Zaia: negli ultimi giorni, il Veneto ha avuto un numero di contagi che supera i 2.000 casi, ieri oltre 3.000 e giustamente pensa a provvedimenti più restrittivi. In Toscana, da una settimana abbiamo poco più di 300 contagi al giorno, la nostra situazione è diversa, in questo momento riusciamo a governare l’emergenza“.

Stampa

Tfa sostegno VI ciclo: cosa studiare? Parliamone con gli esperti il 29 luglio