Riapertura scuole, Di Berardino (Lazio): “Ulteriore impegno per il ritorno in classe”

Stampa

In una lettera inviata a tutti i dirigenti scolastici degli istituti scolastici superiori del Lazio, l’assessore al Lavoro, Scuola e Formazione della Regione Lazio Claudio Di Berardino lancia un invito affinché si compia un ulteriore sforzo per permettere la completa ripartenza delle attività in presenza, a cominciare dalle azioni di sensibilizzazione per effettuare i tamponi gratuiti presso i drive-in regionali.

“Come noto – scrive Di Berardino – nella nostra Regione, in conformità con l’ultimo Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, le attività di didattica in presenza sono riprese anche negli istituti di scuola secondaria superiore e anche grazie al lavoro da voi compiuto. Per permettere un rientro in classe in sicurezza, come Regione Lazio abbiamo svolto delle azioni di supporto dedicate agli studenti e agli insegnanti”.

“Tra queste – aggiunge Di Berardino – vi sono, in particolare, due aspetti chiave: il potenziamento del trasporto pubblico e i test nei drive-in. Il potenziamento del trasporto Cotral riguarda sia il numero di corse sia l’attivazione di nuove linee dedicate, tanto sugli itinerari extraurbani che nelle tratte cittadine. Per quanto riguarda i test, ricordiamo che tutti gli studenti, anche senza certificato medico, possono effettuare i test Covid gratuitamente, mentre per gli insegnanti è richiesta la prescrizione. Da una parte, dunque, favoriamo il distanziamento nel percorso casa-scuola per tutti gli studenti, dall’altra interveniamo sul nascere in caso di contagio svolgendo un’importante e fondamentale azione di prevenzione. L’uso delle mascherine e il rispetto di altri comportamenti responsabili rende le scuole degli ambienti sicuri, in cui il rischio di contagio è limitato”.

“La ripresa delle attività scolastiche in presenza, d’altra parte, non è più rinviabile perché – continua l’assessore – la presenza fisica garantisce un più completo e profondo processo di apprendimento, che va oltre il nozionismo e che riguarda anche la capacità di stare e confrontarsi direttamente con insegnanti e coetanei. Con questa missiva Le chiedo una fattiva e ulteriore collaborazione per favorire la completa ripresa delle attività didattiche, promuovendo in particolare un’azione di sensibilizzazione nei confronti di tutto il corpo docente, delle famiglie e dei ragazzi per sollecitarli a effettuare i tamponi presso i drive-in regionali, così da rafforzare le azioni di prevenzione e sicurezza per noi fondamentali”.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur