Riapertura scuole del 7 gennaio in dubbio: aumentano le richieste di rinvio

Stampa

I dati dei contagi e la difficile attuazione omogena dei piani dei prefetti mettono a rischio la riapertura scuole del 7 gennaio

Il 7 gennaio gli studenti di scuola secondaria di secondo grado torneranno davvero in classe? A pochi giorni dall’avvio i dubbi e le perplessità sembrano aumentare: e se pochi giorni prima di Natale, al centro delle criticità vi era principalmente il piano di rientro previsto dai territori, specialmente dalle prime ore del 2021 a preoccupare sono i dati dei contagi che, seppur in calo, preoccupano. Specialmente in vista di una possibile terza ondata.

L’allarme della scienza

Partiamo dai dubbi degli esperti: negli ultimi giorni, a dire apertamente che una riapertura delle scuole superiori sin dal 7 gennaio potrebbe diventare difficile da gestire è stato Walter Ricciardi, consigliere del Ministro della Salute: “Il lockdown natalizio andrebbe prolungato almeno fino a metà gennaio e non ci sono le condizioni per riaprire le scuole tra una settimana”.

“Con l’attuale circolazione del virus le scuole sono pericolose sia per quello che vi succede dentro sia per il traffico che innescano, ma ha senso il tentativo di riaprirle parzialmente per valutare nel tempo gli effetti ed eventualmente ricalibrarsi”, ha invece riferito a La Stampa Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università Statale di Milano.

Eppure negli ultimi giorni del 2020 è arrivato il parere del Comitato Tecnico Scientifico in merito alle situazioni di contagio nelle scuole: secondo gli esperti, la scuola non è stata responsabile della seconda ondata e non si presenta pertanto come luogo insicuro.

C’è da segnalare anche il primo report approfondito dell’ISS sulla situazione dei contagi nella fascia 3-19 anni, che serve a dare una base scientifica alla riapertura delle scuole. E anche qui il discorso si inceppa: allo stato attuale delle conoscenze, le scuole sembrano ambienti relativamente sicuri anche a causa della mancanza di dati: “L’impatto della chiusura e della riapertura delle scuole sulle dinamiche epidemiche rimane ancora poco chiaro”. Per gli scienziati, insomma, la decisione di riaprire il 7 gennaio resta politica, perché “le scuole non sembrano provocare un aumento di contagi significativo al loro interno ma possono a seconda del contesto esterno e della situazione epidemiologica contribuire a rallentare o accelerare la diffusione del virus”.

Anche la politica non sembra convinta del tutto della riapertura già dai prossimi giorni: il Governatore del Veneto Zaia ha ammesso: “Ho molte perplessità, ormai è assodato che le curve dei contagi siano collegate ovunque alla ripresa della scuola. I ragazzi hanno il diritto a una scuola in presenza. Se si contagiano, la letteratura dice che sono in molti casi asintomatici e con cariche virali alte. Un’aula scolastica rischia di essere il terreno di coltura per il virus che poi si propaga sui bus e fuori dall’istituto”.

Covid-19, sei regioni rischiano zona rossa o arancione. Prossima settimana decisiva

Con questi dati in crescita faccio un appello al governo a riflettere bene sulla riapertura delle scuole  superiori il 7 gennaio. Devono restare chiuse, in tutta Italia.  Sarebbe estremamente imprudente in questa fase dell’epidemia riaprire le superiori fra una settimana”, ha detto invece in modo più categorico l’assessore regionale del Lazio alla Sanità, Alessio D’Amato.

“Abbiamo concordato con l’assessore Lagalla che le Usca Scolastiche, istituite solo in Sicilia, proseguiranno le azioni di screening negli istituti. Dobbiamo mantenere la massima attenzione e credo che sarebbe servita una maggiore prudenza, magari aspettando una settimana dalla fine delle vacanze per vedere l’andamento”, dice invece l’assessore alla Sanità della Regione Siciliana, Ruggero Razza.

Trasporti, orari scaglionati e flessibilità oraria: gli altri nodi

L’incertezza della riapertura del 7 gennaio investe però anche altre sfere tematiche: l’attuazione dei piani previsti dall’intesa Stato-Regioni non sembra entusiasmare tutti i territori. E nemmeno tutti i protagonisti: se Antonello Giannelli, presidente dell’Anp nazionale sottolinea le criticità dei piani dei prefetti ma propone tuttavia di arrivare alla fine di gennaio con il 50% di lezioni in presenza, Mario Rusconi, dell’Anp Lazio, è più categorico: “Noi siamo da sempre per la frequenza degli studenti in presenza, non in dad, ma ad alcune condizioni: distanziamenti in classe, misure profilattiche previste dal Cts e che siano adeguati e funzionali i  trasporti pubblici. Far entrare i ragazzi alle 10 – afferma Rusconi – significa spostare l’uscita alle 16, arrivare a casa alle 17.30-18 rovinando la giornata dei nostri adolescenti da un punto di vista fisiologico e di studio. Inoltre, – prosegue – nel Lazio e nel centro sud a differenza di altre regioni non abbiamo ancora un piano trasporti dettagliato, cioè non c’è contezza degli orari dei trasporti. Si presume forse – domanda – che i ragazzi possano essere lasciati a bighellonare per strada in attesa dell’inizio delle lezioni?”.

Riapertura scuole 7 gennaio, ecco dove si rientrerà con orari d’ingresso differenziati. Pranzo e tempo per i compiti?

Anche dalla Calabria, i sindacati hanno spiegato quali sono le criticità per la riapertura delle scuole, dettate principalmente dalla difficoltà della flessibilità oraria, che prevede una distanza di una-due ore tra il primo e il secondo ingresso di studenti a scuola in quanto si possono facilmente prevedere una serie di criticità difficilmente affrontabili.

 

 

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur