Riapertura scuole: consentire alle famiglie di proseguire con la Dad su base volontaria. La proposta del Codacons

Stampa

Consentire alle famiglie di far seguire le lezioni a distanza ai propri figli, su base volontaria e in contemporanea alle normali lezioni in presenza.

A chiederlo il Codacons che, in vista della possibile riapertura delle scuole dopo Pasqua, scrive oggi al Presidente del Consiglio, Mario Draghi, e al Ministro della Pubblica Istruzione, Patrizio Bianchi.

“Riteniamo che lezioni in presenza e Dad possano coesistere, e debba essere lasciata alle famiglie la possibilità di scelta sul tipo di didattica per bambini e studenti – spiega il presidente Carlo Rienzi – In questo momento di emergenza molti genitori sono contrari a far tornare i propri figli a scuola, e la paura legata al Covid è ancora molto forte. Senza contare il rischio di contagi e focolai all’interno degli edifici scolastici. In tal senso crediamo che debba essere lasciata alle famiglie la facoltà di scelta tra didattica in presenza e didattica a distanza, anche in considerazione del fatto che le lezioni possono svolgersi all’interno della stessa aula ed essere seguite contemporaneamente in presenza oppure online”.

“Molti genitori lavorano oramai in smartworking e per loro la Dad non risulta né un limite né un problema – prosegue Rienzi – Per tale motivo chiediamo al Governo di prevedere dopo Pasqua la Dad su base volontaria, decisione che consentirebbe di ridurre le presenze in aula e quindi limitare il rischio d contagi”.

Stampa

Il nuovo modello di PEI, Eurosofia avvia un nuovo percorso formativo. Primo incontro il 28 aprile