Riapertura scuole, Bonaccini (Emilia Romagna): “Bisogna differenziare gli orari di ingresso”

Stampa

“Io credo servirebbe un po’ di differenziazione degli orari da parte delle scuole, in particolare superiori”. Lo ha detto Stefano Bonaccini, presidente dell’Emilia-Romagna, a Forrest su Rai Radio1 rispondendo a una domanda sulla preoccupazione relativa alle riaperture delle scuole.

Se si scaglionassero di “qualche ora alcuni ingressi di lezione“, spiega Bonaccini, si aiuterebbero “anche le amministrazioni locali e le aziende di trasporto pubblico“.

Noi abbiamo impegnato e prenotato mezzi privati, tanti – dice Bonaccini – ma se rimane al 50% la capienza sui bus tu devi raddoppiare il numero di mezzi“, ma – primo punto – “c’è da trovare mezzi” e in Emilia-Romagna “la gran parte li abbiamo trovati“.

Secondo: “hai però un problema che è legato al numero di persone che arrivano“. Di qui la necessità per il presidente emiliano di scaglionare gli orari. “Da un lato abbiamo i nostri studenti che da troppo tempo sono in Dad – aggiunge – ma bisogna evitare gli assembramenti, per quello servono mascherine e comportamenti adeguati. Noi cercheremo di fare al meglio, non è facile perché credo che non ci siano esempi in giro che abbiano già risolto se non quali, quelli coi vaccini. Guardate Israele o la Gran Bretagna“.

Riapertura scuole, Draghi non vuole tornare indietro. Ipotesi lezioni in musei e spazi all’area aperta

Stampa

Eurosofia, Corso sul nuovo PEI in ICF a cura della Dott.ssa Chiocca. Nei prossimi incontri esempi operativo/pratici a cura del Dott. Ciraci. Iscrizioni aperte