Riapertura scuole 7 gennaio, ecco dove si partirà con singoli turni o doppi turni

Stampa

Dal 7 gennaio la scuola italiana ripartirà, al 50% secondo l’ordinanza del Ministero della Salute. Le ultime indicazioni riguardano i turni differenziati: lezioni dalle 8 alle 14 o dalle 10 alle 16 con durata di 45′ con lezioni anche il sabato.

Attualmente hanno deciso per un unico turno (dalle 8 alle 14) le regioni Basilicata, Emilia-Romagna, Molise, Sardegna (tranne la provincia di Cagliari), Marche, Piemonte, Sicilia, Umbria e Valle d’Aosta.

Si lavorerà, invece, su doppi turni (8-14, 10-16) in Abruzzo, Calabria, Campania (tranne Benevento), Friuli-Venezia Giulia (tranne Gorizia), Lazio, Liguria, Lombardia, Puglia e Toscana.

Riapertura scuole, Giannelli: “Didattica in classe al 50% fino alla fine di gennaio”

Situazione a parte per Trento e Bolzano. La Campania, tramite il suo presidente De Luca, ha già affermato che disattenderà le indicazioni del governo. Quindi si andrà così: il 7 gennaio le prime e le seconde elementari, 11 gennaio tutte le primarie, 18 gennaio le secondarie di primo grado, 25 gennaio le secondarie di secondo grado.

Dubbi sulla riapertura anche da Veneto, Lazio e Puglia con Emiliano che potrebbe confermare l’ordinanza con cui ha consentito ai genitori di scuola primaria e secondaria se scegliere le lezoni in presenza o con la modalità digitale.

Riapertura scuole 7 gennaio, ecco dove si rientrerà con orari d’ingresso differenziati. Pranzo e tempo per i compiti?

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur