Riapertura scuole 7 gennaio al 75%, Giannelli (Anp): si farà a rotazione, una settimana ogni quattro a casa

Stampa

“Il rientro del 75% degli studenti il 7 gennaio è la strada per raggiungere il cento per cento di presenza in sicurezza”. Così all’Adnkronos Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale presidi, in merito alla decisione del governo di far rientrare il 75% degli studenti e lasciare il restante 25% a casa con la Dad.

“Auspico che si torni appena possibile alla didattica in presenza – ha aggiunto Giannelli – certo per far sì che tutti godano della presenza si farà a rotazione in modo che ogni alunno sta a casa una settimana ogni quattro e in quella settimana segue le lezioni con la Dad”.

“E’ una ripresa graduale, certo non è bene far tornare i ragazzi tutti insieme in classe, – ha concluso Giannelli – gradualità che serve anche per dare la possibilità ai trasporti locali di riorganizzarsi da qui al 7 gennaio in modo che i ragazzi si possano muovere con sicurezza”.

E lo stesso premier Giuseppe Conte, ieri in conferenza stampa, annunciando i contenuti del nuovo Dpcm, ha sottolineato che particolare importanza per un rientro a scuola in sicurezza sarà data alla flessibilità: “Non vogliamo escludere nessuna opzione di flessibilità, se ci saranno scuole che si renderanno disponibili a turni pomeridiani ben vengano”.

Nuovo Dpcm, Conte firma: a gennaio in aula 75% studenti superiori. Stop concorso straordinario [TESTO DEFINITIVO]

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur