Riapertura scuola, infettivologo Bassetti: aspettare come evolve la situazione a giugno e luglio, poi decidere

Stampa

Riapertura scuola a settembre e dubbi dell’infettivologo Bassetti: era il caso di attendere l’evoluzione della situazione a giugno e luglio.

Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di  Genova e componente della task force Covid della Regione Liguria, commenta le misure annunciate dal Ministro Azzolina per la riapertura della scuola a settembre esprimendo quelli che sono i suoi dubbi al riguardo.

Bassetti sostiene che sia prematuro, ad oggi, decidere come comportarsi a settembre non sapendo come evolveranno i contagi e che sarebbe stato più saggio attendere per vedere le evoluzioni a giugno e luglio.

Secondo l’infettivologo, infatti, è necessaria molta cautela al riguardo e soprattutto per eventuali decisioni sarebbe stato opportuno attendere.

“Ho dubbi sulle barriere tra un banco e l’altro
soprattutto perché occorre anche considerare alcuni punti: come
entreranno negli istituti i ragazzi? Come faranno la ricreazione? Come
si muoveranno? Non faranno assembramenti? Ho poi l’impressione, da
quello che mi viene detto, che nelle scuole italiane manchino
completamente i distributori di gel alcolici o i lavandini dove ci si
possa lavare le mani in sicurezza, che è una delle misure più
importanti in questa fase” spiega Bassetti.

Stampa

Eurosofia, scopri un modo nuovo e creativo per approcciarti all’arte: “Il metodo del diario visivo” ideato da Federica Ciribì