Riapertura GaE, Mollicone (FdI): nel 2015 Di Maio era favorevole

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Prendiamo atto di come il ministro Bussetti, per rispondere al mio question time, abbia ripetuto in maniera automatica il solito refrain. Il governo inoltre, non solo non ha mantenuto le promesse e sta tradendo un’intera categoria, quella dei maestri, ma inganna anche tutti quei ragazzi che un domani vorranno fare questa professione.

Così il deputato di Fratelli d’Italia Federico Mollicone, in risposta al ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti nel corso del question time di oggi.

“Fratelli d’Italia – prosegue – non arretrerà di un millimetro e si schiera a difesa dei precari e dei diplomati magistrati della scuola perché le maestre e i maestri sono una categoria fondamentale per la formazione dei nostri figli e della nostra Nazione. A sorpresa abbiamo smentito il ministro scovando le parole dette da Di Maio (che invece aveva negato di aver mai pronunciato): nel 2015 il vicepremier sosteneva esattamente ciò che sosteniamo noi. Oggi, invece, ha cambiato idea: come ci ricorda Gandhi a tal proposito, “sii il cambiamento che vuoi vedere accadere nel mondo”. Loro, invece, hanno cambiato le loro opinioni”.

“La situazione attuale – conclude Mollicone – è destinata a trasformarsi in un licenziamento di massa e per questa ragione chiediamo al governo di riconfigurare le tre fasce delle graduatorie senza oneri per lo Stato”.

Roma, 19 settembre 2018

Versione stampabile
anief
soloformazione