Retescuole Crema: i docenti non sono fannulloni, le supplenze brevi restino ai precari

WhatsApp
Telegram

GB – La Retescuole Crema esprime il suo dissenso contro le affermazioni del sottosegretario Reggi in un’intervista rilasciata qualche giorno fa su La Repubblica.

I docenti della Rete esaminano punto per punto le affermazioni di Reggi e le criticano, partendo dall’idea di modello aziendale che dovrebbe avere la scuola. Un progetto del genere va posto a confronto con i docenti e i sindacati, dicono, invece che annunciarlo in piena estate in un’intervista, con la possibilità che diventi legge delega nei prossimi quindici giorni.

GB – La Retescuole Crema esprime il suo dissenso contro le affermazioni del sottosegretario Reggi in un’intervista rilasciata qualche giorno fa su La Repubblica.

I docenti della Rete esaminano punto per punto le affermazioni di Reggi e le criticano, partendo dall’idea di modello aziendale che dovrebbe avere la scuola. Un progetto del genere va posto a confronto con i docenti e i sindacati, dicono, invece che annunciarlo in piena estate in un’intervista, con la possibilità che diventi legge delega nei prossimi quindici giorni.

L’errore di comunicazione è proseguito con la campagna di disinformazione, prosegue la Rete, in cui i docenti italiani vengono descritti come fannulloni, mentre l’attuale monte ore  non è affatto inferiore a quello degli altri docenti europei, come dimostrato dai dati OCSE.

La Rete osserva come l’aumento del monte ore a parità di stipendio, anche se con incentivi fino al 30% dello stipendio, comprenderà, oltre agli incarichi aggiuntivi e alla formazione obbligatoria, anche lo svolgimento delle supplenze brevi fino a 15 giorni, finora fonte di lavoro per i precari delle graduatorie d’istituto.

Nonostante le scuole chiuse, la protesta è dilagata e la Retescuola intende continuare a far sentire la voce di dissenso attraverso la circolazione di materiale di controinformazione utilizzando la mailing list,  attraverso i social network e la stampa locale, con l’invito a inviare mail di dissenso a Reggi, ma anche inviando lettere ai parlamentari locali, ai consiglieri regionali, ai rappresentanti dei partiti e alle organizzazioni sindacali.
 

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur