Rete studenti: dopo le piazze il ministero accoglie una nostra delegazione studentesca!

di redazione

item-thumbnail

Rete degli Studenti – Oggi le studentesse e gli studenti di tutto il Paese si sono rivoltati in più di 70 piazze per esprimere il loro dissenso verso modelli di alternanza scuola lavoro sbagliati e pericolosi e verso un sistema di pubblica istruzione che non garantisce la qualità e la gratuità dei percorsi educativi, dopo il corteo una delegazione della Rete degli Studenti Medi è salita a discutere negli uffici del Ministero.

Giammarco Manfreda, Coordinatore Nazionale della Rete degli Studenti Medi, dichiara:” Oggi dopo il corteo che a Roma ha visto la partecipazione di più di 3000 studenti il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha accettato di accoglierci per discutere delle rivendicazioni che in tutta Italia stavamo portando nelle piazze. I casi in cui l’alternanza scuola lavoro non viene concepita come quello che in realtà dovrebbe essere, strumento di didattica alternativa, ma viene scambiata come strumento per ottenere mano d’opera gratuita sono sempre di più e si contrappongono ai percorsi positivi che esistono ma che fanno fatica ad emergere. Le condizioni delle nostre strutture scolastiche sono pessime, siamo costretti a passare 5 o 6 ore delle nostre giornate in scuole che non possiedono i certificati di agibilità e che non sono dotate dei parametri igienico-sanitari necessari, a volte siamo costretti a studiare nei garage. Grave è anche la situazione rispetto a un sistema di Diritto allo Studio che non è assicurato, le nostre famiglie sono costrette a spendere tra i 1000 e i 1500 euro annui per permetterci di studiare, per pagare trasporti inefficienti e libri di testa dai prezzi esorbitanti.”

“Non succedeva da tempo che gli studenti venissero accolti al Ministero dopo le manifestazioni ma non possiamo dirci soddisfatti – spiega Manfreda – le risposte sono ancora deboli da parte delle istituzioni che adducono la responsabilità alla mancanza di fondi. Non possiamo però aspettare ancora per avere a disposizione una vera Carta dei Diritti delle studentesse e degli studenti in Alternanza, non possiamo aspettare di vedere il nostro diritto di studiare in luoghi sicuri e soprattutto di farlo gratuitamente riconosciuto. Oggi è solo l’inizio, da domani torneremo nelle scuole, nelle piazze per costruire giorno dopo giorno una scuola diversa e un paese diverso più e equo”.

Versione stampabile