Rete Studenti e UDU: l’impegno dello Stato al Sud non deve venir meno

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Rete Studenti e UDU – “Ci vuole piu’ impegno, piu’ lavoro e sacrificio al Sud per recuperare il gap con il Nord, non piu’ fondi. Vi dovete impegnare forte, e’ questo che ci vuole”. 

Per la serie “la sparata del giorno” torna alla carica il Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti. Ieri, ad Afragola, si è permesso di fare questo tipo di affermazione.  “E’ inaccettabile che in un Paese come il nostro, martoriato dalle disuguaglianze tra Nord e Sud, il Ministro che dovrebbe tutelare gli interessi di tutti gli studenti d’Italia, espliciti che il Sud non ha bisogno di maggiori finanziamenti. Bussetti è mai stato nelle scuole a pezzi della Sicilia? ha mai parlato con le centinaia di universitari che ogni anno abbandonano il loro territorio per cercare un futuro nelle facoltà del Nord o all’estero? Vergogna.” Dichiara Giammarco Manfreda, Coordinatore Nazionale della Rete degli Studenti Medi.
“Bussetti è lo specchio imbranato della pericolosa ideologia delle autonomie differenziate, per la quale le sorti di una regione dipendono dall’ “impegno” delle stesse e non dall’impegno dello Stato, che si dovrebbe operare per parificare le diversissime condizioni storiche, economiche e sociali dei suoi territori. Queste dichiarazioni meritano le dimissioni.” Conclude Enrico Gulluni, coordinatore Nazionale dell’Unione degli Universitari.
Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione