Rete Istituti Professionali ad Indirizzo Servizi per la Sanità: reclutare diplomati per emergenza sanitaria

Stampa

Francesco Bussi, membro dell’Ufficio di Presidenza della Rete Nazionale degli Istituti Professionali a Indirizzo Servizi per la Sanità e l’Assistenza Sociale (RE.NA.I.S.SAN.S.), presidente della stessa fino al 31 agosto 2019, rende nota alla nostra redazione la comunicazione inviata alle massime autorità di Governo del nostro Paese.

Nella comunicazione – scrive Bussi – si evidenziava come i diplomati dell’ex indirizzo Socio-sanitario, siano in possesso di competenze utilmente impiegabili nella emergenza sanitaria in cui versa il Paese.

Com’è tradizione delle Rete – spiega Bussi – non si azzardano impieghi in ruoli non congruenti con il curricolo svolto dagli studenti, ma si esplicita, in apposita tavola, le competenze conseguite nei cinque anni di scuola dai nostri diplomati.
Stiamo parlando di un potenziale di personale qualificato dell’ordine di 100.000 unità, secondo i dati forniti nella più recente interrogazione al Governo, presentata dall’onorevole Toccafondi, già sottosegretario nella precedente legislatura.

La Regione Piemonte ha aperto, in questa fase di emergenza, alla possibilità di assunzione dei diplomati dell’Indirizzo in qualità di Operatori Socio Sanitari. La nostra preoccupazione – conclude – va quindi anche nel senso di non vedere, nelle condizioni attuali, azioni scoordinate a livello nazionale“.

La comunicazione

Stampa

Preparazione concorsi e TFA Sostegno con CFIScuola!