Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Restituzione anticipo Naspi, entro quanto tempo e per quali importi?

Stampa
Pensione Quota 100 e Naspi

Qual è l’arco temporale in cui si deve restituire l’anticipo della Naspi se si richiede l’anticipo e quale importo va restituito?

I lavoratori disoccupati che percepiscono indennità di disoccupazione Naspi, se intendono avviare una attività di lavoro autonomo con partita Iva o potenziarne una già esistente, possono chiedere l’anticipo, in un’unica soluzione, della Naspi residua.

Rispondiamo ad un nostro lettore che scrive:

Buongiorno, vorrei chiedere delle delucidazioni in merito all’anticipo NASPI e la mia posizione Inps.L’oggetto della mia domanda è il seguente: io ho fatto un buon periodo di circa 6-7 mesi in disoccupazione dopo di che ho aperto una ditta a settembre 2020. Solo a quel punto ho richiesto l’anticipo NASPI che ovviamente ho ricevuto per il restante importo… Ora, se per esigenze personali sopraggiunte improvvisamente, io decidessi di cambiare lavoro (al 31/12/2021), con la possibilità o di entrare a far parte di un’altra società o di essere assunto come dipendente.. a cosa vado incontro? Ho sentito parlare di restituzione.. vorrei sapere di che importo parliamo e quali sono i limiti temporali oltre i quali questa restituzione di denaro verrebbe meno. La ringrazio, se è necessario posso venire personalmente per affrontare il discorso.

Restituzione anticipo Naspi

Chi chiede l’anticipo della Naspi, pur non avendo limiti negli importi fatturabili con partita IVA, deve rispettare un paletto ben preciso per non incorrere nel rischio di dover restituire la Naspi ricevuta a titolo di anticipo: per tutta la durata della Naspi originaria non deve accettare un lavoro subordinato.

Il vincolo, quindi, di non poter accettare un lavoro subordinato sussiste solo per il periodo temporale di durata della Naspi originaria (quando la Naspi è accolta l’istituto comunica per quanti giorni l’indennità spetta). Decorso questo periodo si può, tranquillamente, accettare qualsiasi rapporto di lavoro senza incorrere nel rischio di dover restituire le cifre ricevute.

Per quanto riguarda l’importo da restituire si parla dell’intera somma anticipata, anche se dall’erogazione sono trascorsi diversi mesi.

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur