Renzi: valorizzare i docenti e riformare la scuola media, gli studenti devono saper riassumere e rielaborare le informazioni

di Giulia Boffa
ipsef

GB – Matteo Renzi, neo segretario del PD, è stato ospite di Fabio Fazio, nella trasmissione "Che tempo che fa" e, tra i vari argomenti, ha trattato anche delle scuola.

GB – Matteo Renzi, neo segretario del PD, è stato ospite di Fabio Fazio, nella trasmissione "Che tempo che fa" e, tra i vari argomenti, ha trattato anche delle scuola.

Renzi parla di scuola come valore assoluto. «Vorrei coinvolgere famiglie, assessori, insegnanti. Vorrei ridare autorevolezza al ruolo dell’insegnante.L’insegnante non è un numerino da pagare alla fine del mese. Sono convinto che Italia ci sono tanti insegnanti che vorrebbero essere pagati di più, ma soprattutto verrebbero sentirsi dire grazie. Invece non si vuole bene all’insegnante come educatore. Quando si va al ricevimento si dà ragione ai figli, non all’insegnante.”

Parla poi di riforme, partendo dalla scuola media: "E poi vorrei riformare la scuola in un orizzonte di vent’anni, a partire dalle scuole medie dove sono intrappolati nei banchi a sentire un programma che poi risentiranno alle superiori. Avrebbero bisogno di essere avvicinati alla cultura e all’educazione fisica, alla bellezza del vivere in modo diverso dai programmi di oggi. La grande scommessa è scatafasciare il programma delle scuole medie sapendo che i ragazzi oggi sono pieni di informazioni ma difficoltà di comprensione”. E propone: tornare “ai riassunti”: “I ragazzi vanno su internet, hanno miliardi di informazioni. Devono dimostrare di aver capito di saper riassumere e dimostrare di saper rielaborare”.

Aggiunge:"Però bisogna investire nell’edilizia scolastica. E per fare questo ci vogliono investimenti”.

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare