Renzi: “La riforma è imminente, si parte il 1 settembre”, molte attese e preoccupazioni

Stampa

"Sulla riforma della scuola ci siamo, è una priorità anche perché ci sono dei tempi tecnici e deve entrare in vigore il 1 settembre". Il premier Matteo Renzi  annuncia  l'imminenza della riforma della scuola, tornando a Palazzo Chigi dopo una passeggiata alla Galleria Colonna.

"Sulla riforma della scuola ci siamo, è una priorità anche perché ci sono dei tempi tecnici e deve entrare in vigore il 1 settembre". Il premier Matteo Renzi  annuncia  l'imminenza della riforma della scuola, tornando a Palazzo Chigi dopo una passeggiata alla Galleria Colonna.

Il Governo afferma quindi di essere pronto a far partire la riforma della scuola.

Molte le attese e le preoccupazioni, specialmente per i precari iscritti nelle graduatorie ad esaurimento e quelli del concorso ,  che attendono le immissioni in ruolo promesse. Ma molte le attese anche da parte dei docenti di ruolo, che aspettano di sapere se gli scatti resteranno o se il merito varrà per ottenere un aumento di stipendio, bloccato dal contratto del 2009.

Seguici anche su FaceBook per tutte le nostre anticipazioni sulla riforma della scuola

Renzi riconosce che ci sono dei tempi tecnici da rispettare, per questo occorre fare presto, soprattutto per l’organizzazione degli organici e la nascita di quello funzionale, indispensabile per coprire tutte le immissioni.

Riforma. Decreto a Febbraio, vi anticipiamo i contenuti: assunzioni, riforma sostegno, nuovo reclutamento, aumenti stipendiali

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur