Renzi “Minoranza contraria alla riforma”. Si ma è minoranza che conta

WhatsApp
Telegram

Parte la protesta su FaceBook per le affermazioni del Primo Ministro sul consenso alla riforma della scuola contenuta nelle linee guida "La Buona scuola".

Parte la protesta su FaceBook per le affermazioni del Primo Ministro sul consenso alla riforma della scuola contenuta nelle linee guida "La Buona scuola".

Il suo pensiero sul consenso è stato affidato alla newsletter del 18 novembre 2014 nella quale ha sostenuto che "dei due approcci – da una parte chi la contesta e dall'altra chi la accetta con passione – secondo il premier  il secondo è maggioritario". Di questo il premier ne sarebbe certo

Eppure non dicono così le 300 mila firme contro il blocco dei contratti e l'eliminazione degli scatti stipendiali, così come le numerosissime delibere dei Collegi che bocciano la riforma in alcuni dei suoi punti più salienti.

Neppure quel monolite Partito Democratico addensatosi attorno a Renzi sembra impermeabile alla contestazione.

A dimostrarlo, in particolare, ad opera di Caterina Altamore che ha lanciato una iniziativa virale per dimostrare che la "minoranza" contraria alla riforma "è una minoranza che conta".

Per i particolari dell'iniziativa vai a questa pagina FaceBook

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur