Renzi. Investire sulla scuola è il modo migliore per uscire dalla crisi

di Giulia Boffa
ipsef

”I sindaci, per l’edilizia scolastica, non chiedono soldi al governo, ma che si superi il patto di stabilità interna.
Alla luce di questo, credo sia particolarmente interessante che nelle prossime ore con il ministro della Pubblica istruzione, Stefania Giannini, e la struttura di Palazzo Chigi, si lavori a quel progetto straordinario di edilizia scolastica che sarà uno dei motori dello sviluppo nel 2014”.

Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, in conferenza stampa a Treviso.

”I sindaci, per l’edilizia scolastica, non chiedono soldi al governo, ma che si superi il patto di stabilità interna.
Alla luce di questo, credo sia particolarmente interessante che nelle prossime ore con il ministro della Pubblica istruzione, Stefania Giannini, e la struttura di Palazzo Chigi, si lavori a quel progetto straordinario di edilizia scolastica che sarà uno dei motori dello sviluppo nel 2014”.

Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, in conferenza stampa a Treviso.

”Con i sindaci non ho avuto passerelle, ma una discussione vera”, ha concluso Renzi, ricordando fra l’altro il dossier sull’alluvione che gli ha presentato il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia.

 "Che bello incontrare gli studenti! Sentivo la mancanza. Investire sulla scuola è il modo per uscire dalla crisi" ha scritto poi il premier su Twitter.

"C’è impegno del governo a trovare strumento normativo per progetto edilizia scolastica per un piano rapido giugno-settembre", ha confermato il ministro Giannini su Twitter.

 

Versione stampabile
anief
soloformazione