Renzi e il possibile rimpasto di governo: “Bellanova e Bonetti sono brave. I ministri che non piacciono non sono un mio problema”

Stampa

Il leader di Italia, Matteo Renzi, interviene a L’Aria che Tira, in onda su LA7, all’indomani del vertice di maggioranza con Conte, Zingaretti e Speranza.

“I ministri che non mi piacciono, non sono  un mio problema perché Bellanova e Bonetti sono brave. Il problema è  prima decidiamo cosa vogliamo fare, poi alla fine di questo percorso  se vorranno cambiare alcuni ministri, lo decideranno”.

E ancora: “Se son rose fioriranno? Speriamo. Un anno  e mezzo fa quando abbiamo mandato a casa Salvini, c’era la paura dei  pieni poteri. Ma ora, da qui al 2023, dobbiamo scegliere le cose che  vanno fatte. C’è una  piena condivisione, soprattutto con Zingaretti. L’importante è avere lo stesso obiettivo: fare le cose”.

Infine: “Per fare un accordo bisogna essere in due. Il governo non si stanchi di cercare l’opposizione. In una situazione come questa che tu sia di destra o di sinistra, devi dare un mano. Come dice Zingaretti, serve un pieno coinvolgimento dell’opposizione. Dall’altro canto però anche le opposizioni si devono mettere d’accordo: un conto è quello che dice Berlusconi, un conto quello che dice Meloni”.

Stampa

L’Eco Digitale di Eurosofia, il 14 dicembre segui la Tavola rotonda:“Didattica a distanza e classe capovolta – Ambienti di apprendimento innovativi”