Renzi ci ricatta con le assunzioni

WhatsApp
Telegram

Movimento Nazionale Insegnanti Precari – Dopo la pesantissima sconfitta del Partito Democratico e di Matteo Renzi  alle elezioni regionali e alle comunali, la politica in Italia cambia visione.

Movimento Nazionale Insegnanti Precari – Dopo la pesantissima sconfitta del Partito Democratico e di Matteo Renzi  alle elezioni regionali e alle comunali, la politica in Italia cambia visione.

Il boom elettorale del Movimento 5 Stelle e la ripresa del centro destra hanno incrinato realmente i rapporti tra il PD renziano, le alleanze partitiche e la sinistra democratica.  Il fallimento culturale ed elettorale della linea politica del governo, formato dal Nuovo Centro Destra di Alfano e il Partito Democratico di Renzi ha dato maggiore forza alla controparte.

Il DDL scuola inumano ha sancito la netta sconfitta elettorale dei renziani, del partito democratico e del governo.

Matteo Renzi ha perso la fiducia della maggioranza degli italiani onesti, non è più credibile, è politicamente in forte declino; l’uomo dell’ex 40% è svanito, è bruciato, è fuori gioco, è rottamato.

Gli italiani hanno  aperto gli occhi, hanno reagito contro la mala politica, senza fare sconti a nessuno e senza aver paura di nessuno.

Matteo Renzi e i renziani si sono opposti allo stralcio delle assunzioni dal pericoloso DDL scuola, ricattando l’opposizione e il mondo della scuola al rinvio nel 2016, forse! Che in sostanza l’assunzione riguarda 50 mila e non 100 mila insegnanti, altra beffa di Renzi.

Noi insegnanti siamo più uniti di prima. Non ci facciamo prendere per i fondelli, non siamo imbecilli.

Renzi prova a ricattarci con le assunzioni per far passare un DDL scuola anticostituzionale e inumano.

Con il DDL scuola, Renzi, vuole distruggere il sistema giuridico della scuola, intende calpestare i diritti degli Insegnanti, del personale ATA, dei Dirigenti Scolastici, dei precari. Si arroga il diritto di cancellare il contratto nazionale di lavoro, vuole privatizzare la
scuola pubblica e statale, con il conseguente rischio di abbassarne il livello didattico e professionale.

Facciamo appello a tutti i Senatori della Repubblica responsabili del bene comune, in difesa della democrazia e dei diritti dei cittadini, di ritirare l’incostituzionale e disumano DDL scuola e di ripristinare l’equilibrio di giustizia sociale e di democrazia nel nostro Paese, a
costo di far cadere il governo Alfano-Renzi, governo antidemocratico, illegittimo e impopolare e ridare legittima voce e espressione al Popolo Italiano nella scelta di un nuovo Parlamento Italiano, basato sulla democrazia reale, sulla giustizia sociale reale e sull’onesta
reale.

La scuola ha un peso elettorale di ben oltre 4 milioni di voti !!!

Renzi, ha fallito!!! Renzi è fuori gioco!!!, Renzi è bugiardo!!! Renzi è antidemocratico e antisociale !!!  Renzi è pericoloso per il bene comune.

NON ABBASSEREMO LA GUARDIA, SIAMO UNITI E COMPATTI PIU' DI PRIMA, ANDREMO AVANTI SENZA SOSTA !!! NON CI DIVIDEREMO !!!
Prof. Riziero Agostinelli

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur