Reinserimento in GaE: con o senza riserva?

di redazione
ipsef

L'avv. Santi Delia comunica ai docenti preoccupati circa il loro inserimento con riserva in ragione del quale nessun incarico potrebbe essergli conferito, quanto segue.

L'avv. Santi Delia comunica ai docenti preoccupati circa il loro inserimento con riserva in ragione del quale nessun incarico potrebbe essergli conferito, quanto segue.

Avv. Santi Delia – La posizione assunta dagli Uffici è palesemente errata e frutto di una fuorviante assimilazione della riserva giudiziale con quella di ammissione in GAE in attesa del conseguimento del titolo.

Gli uffici confondono l'ammissione con riserva giudiziale che, ad ogni fine, equivale all'ammissione a pieno diritto nelle GAE sino alla sentenza di merito ("ammissione con riserva del buon esito della sentenza di merito", ad esempio ord. n. 10075/14 TAR LAZIO), con la riserva dei soggetti che devono ancora ottenere il titolo grazie al quale potranno permanere in GAE.

L'ammissione cautelare ordinata dal GIUDICE mira proprio ad evitare il DANNO GRAVE ED IRREPARABILE dovuto alla non possibilità di ottenere incarichi dalle GAE, ragion per cui la mera cartolare ammissione eliminerebbe ogni significato alla scelta del GA.

E' un errore da studente di primo anno di giurisprudenza pertanto assimilare le due posizioni. Ove occorra, ma purtroppo con tempi più lunghi imposti dalle procedure giudiziali, faremo rilevare anche noi e le Associazioni che rappresentiamo tali aspetti ai (pochi) Uffici inadempienti.

Vi consigliamo, tuttavia, di spiegare, de visu, tali circostanze, di immediata evidenza, agli Uffici. Il link

Versione stampabile
anief anief
soloformazione