Regole rientro a scuola: mascherine, infanzia, neoassunti, colloqui. Faq aggiornate Veneto

L’Usr per il Veneto aggiorna le Faq per il rientro a scuola in sicurezza. Rispetto alla versione di alcune settimane fa riportata dalla nostra redazione, vi è la sezione nuova “Aspetti gestionali durante l’attività scolastica” e alcune precisazioni riguardanti l’uso delle mascherine e le scuole dell’infanzia.

1) Quando i bambini/ragazzi devono indossare la mascherina a scuola?
Risposta) In accordo con quanto indicato dal Comitato Tecnico Scientifico:
● nell’ambito della scuola primaria, per favorire l’apprendimento e lo sviluppo relazionale, la mascherina può essere rimossa in condizione di staticità (es. bambini seduti al banco) con il rispetto della distanza di almeno un metro e l’assenza di situazioni che prevedano la possibilità di aerosolizzazione (es. canto);
● nella scuola secondaria, anche considerando una trasmissibilità analoga a quella degli adulti, la mascherina può essere rimossa in condizione di staticità (es. ragazzi seduti al banco) con il rispetto della distanza di almeno un metro, l’assenza di situazioni che prevedano la possibilità di aerosolizzazione (es. canto).
Il dato epidemiologico, le conoscenze scientifiche e le implicazioni organizzative riscontrate, potranno determinare una modifica delle raccomandazioni proposte, anche in relazione ai differenti trend epidemiologici locali, dall’autorità sanitaria che potrà prevedere l’obbligo della mascherina anche in situazioni statiche con il rispetto del distanziamento per un determinato periodo, all’interno di una strategia di scalabilità delle misure di prevenzione e controllo bilanciate con le esigenze della continuità ed efficacia dei percorsi formativi.

2) Come comportarsi con i bambini della prima classe della scuola Primaria che non hanno ancora compiuto i sei anni? Devono, non devono o possono indossare la mascherina?
Risposta) In considerazione di quanto indicato dal documento tecnico del CTS del 28/5/2020 (“non sono soggetti all’obbligo i bambini al di sotto dei sei anni”), che non introduce un divieto assoluto all’uso della mascherina, e per garantire l’uniformità di comportamenti all’interno della stessa classe, onde non ingenerare un dannoso effetto imitazione, si ritiene che i bambini iscritti alla scuola Primaria debbano indossare tutti la mascherina, a prescindere dall’età anagrafica. Nel caso la famiglia rilevi una difficoltà
insormontabile all’utilizzo della mascherina da parte del proprio figlio che non ha ancora compiuto i sei anni, potrà chiederne la dispensa attraverso un certificato in tal senso rilasciato dal Pediatra di Libera Scelta. Seguendo lo stesso principio, per i bambini della scuola dell’infanzia che compiono i sei anni nel corso dell’anno scolastico, si ritiene che non debbano indossare la mascherina per garantire l’uniformità di comportamento all’interno della comunità di bambini.

3) Come gestire i colloqui individuali e collettivi con i genitori?
Risposta) Stante l’attuale situazione pandemica e le regole generali stabilite dal CTS, calate nella realtà scolastica attraverso il protocollo di sicurezza anti-contagio definito da ogni Istituzione scolastica, si suggerisce di evitare la programmazione di colloqui collettivi con i genitori, almeno per il primo periodo dell’anno scolastico. Si suggerisce inoltre di realizzare per quanto possibile i colloqui individuali in modalità telematica, potenziandone all’occorrenza la frequenza, anche impiegando le ore di ricevimento
diversamente destinate ai colloqui collettivi, e valutandone la collocazione oraria in finestre di disponibilità compatibili con gli impegni lavorativi dei genitori.

4) Come gestire le elezioni degli Organi Collegiali? Si possono trovare sistemi sicuri e legittimi di elezione a distanza?
Risposta) Le elezioni degli Organi Collegiali (rappresentanti dei genitori nei Consigli di Classe, componenti del Consiglio d’Istituto, ecc.) generalmente richiedono la presenza contemporanea a scuola di un numero elevato di persone, anche quando fosse possibile distribuirle in diverse fasce orarie. Nell’attuale contingenza pandemica si suggerisce dunque di pensare di svolgerle “a distanza”, salvo diverse disposizioni che potranno essere impartite dal Ministero. Nell’effettuazione delle elezioni “a distanza” una possibilità è fornita dal sistema dei moduli Google (https://www.google.it/intl/it/forms/about/), che hanno il pregio di garantire l’anonimato di chi lo compila. In questo caso si suggerisce di costruire i moduli con alcuni accorgimenti tesi ad evitare, per quanto possibile, errori, quali la doppia votazione da parte della stessa persona, o votazione
da parte di una persona che non ha titolo a farlo.

5) Come effettuare, quest’anno, l’osservazione dell’insegnante neo assunto da parte del Dirigente Scolastico e del tutor, in base a quanto previsto dal D.M. 850/2015?
Risposta) Nel corso del presente anno scolastico e in vigenza delle regole generali e specifiche fornite dal CTS (vedi allegato al verbale n. 82 del 28/5/2020 e successive integrazioni e precisazioni, datate 23 giugno, 7 luglio e 10 agosto 2020) e senz’altro riprese dal protocollo di sicurezza COVID-19 scolastico, per l’osservazione dell’insegnante neo assunto da parte del Dirigente Scolastico e per il peer tutoring tra colleghi è possibile sfruttare la “zona interattiva” della cattedra. Tale zona, infatti, identifica lo spazio che, dal muro di fondo dell’aula, arriva fino alla prima riga di banchi, contenendo la cattedra e la relativa seduta dell’insegnante, l’area antistante alla lavagna e il percorso per il deflusso degli allievi verso la porta d’uscita dall’aula. Tale spazio, la cui profondità può variare a seconda del layout scelto (ma che generalmente è superiore ai 2 metri), consente anche la posizione statica del Dirigente Scolastico o del tutor, garantendo il loro adeguato distanziamento sia dagli allievi che dall’insegnante.

6) Quest’anno sarà possibile effettuare il Pedibus?
Risposta) Si, se vengono adottate tutte le misure per renderlo sicuro, il Pedibus è un ulteriore modo per gestire ed evitare possibili assembramenti all’entrata o all’uscita da scuola e contenere così la diffusione del contagio, svolgendosi all’aperto e nel pieno rispetto delle indicazioni da pandemia. Per la partecipazione al Pedibus valgono le stesse norme applicate per la frequenza a scuola (assenza di febbre e sintomi, ecc…). Se si opta per l’utilizzo della corda, è raccomandato che i bambini si disinfettino le mani prima della partenza e del suo utilizzo. I bambini devono utilizzare la mascherina lungo il percorso. In caso di presenza al Pedibus di bambini e/od operatori trovati positivi al COVID-19, il Dipartimento di Prevenzione dell’ULSS di riferimento si occuperà di avviare tutte le procedure di messa in sicurezza previste dalle normative di riferimento.

Tutte le Faq del Veneto

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia