Regole anti-covid, ricreazione e uso bagni: modello di circolare allegato

Stampa

Si fanno più stringenti, in periodo di pandemia e preoccupante, le regole per la prevenzione della diffusione del Covid-19 negli istituti di scuola primaria e di scuola secondaria di primo grado.

Ribadiamo, in primis, prima d’accennare ad altro, che risulta indispensabile che la famiglia doti i propri figli, qualora non volesse utilizzare quelle fornite, giornalmente, dalla scuola, di mascherina monouso preferibilmente di tipo chirurgico oppure di altro tipo (purchè lavabili), da usare nei momenti di ingresso, uscita, spostamenti all’interno della scuola e in altre occasioni segnalate. Buona pratica sarebbe quella che dovrebbe vedere gli alunni dotati di sacchetto/bustina con etichetta nominativa in cui riporre la mascherina e possibilmente una mascherina di scorta.

Pausa relax per il bagno, ad ogni ora

Non è una previsione normativa ma lo diventa in via precauzionale e, certamente, funzionale, la prassi, per le scuole dell’infanzia, primarie e per la secondaria di primo grado (le uniche attualmente in presenza, che ogni unità oraria preveda almeno cinque minuti di pausa relax durante la quale gli alunni possano recarsi al bagno scaglionati.

Cambio d’aria

Nel periodo di relax sarà effettuato un ricambio dell’aria nell’aula, aprendo le finestre. Il ricambio d’aria sarà effettuato, anche nelle scuole dell’infanzia, ogni qual volta sia ritenuto necessario, in base agli eventi.

Mascherine, accesso ai bagni e assembramenti

Per l’accesso ai bagni e agli altri spazi comuni è previsto l’uso della mascherina per gli alunni dai sei anni in su.

L’accesso ai bagni è contingentato e presso i locali antistanti non potrà essere superata la capienza dei medesimi. Gli alunni si disporranno in una fila ordinata e distanziata per accedervi, resteranno in fila indossando la mascherina; si laveranno le mani prima di entrare in bagno e si laveranno ancora le mani in uscita. Laddove notino che i bagni non siano perfettamente in ordine, avranno cura di segnalare la problematica immediatamente ai collaboratori e alle collaboratrici scolastiche e questi provvederanno tempestivamente alla sua soluzione secondo dinamiche vincolate dalle norme di prevenzione. Al fine di limitare assembramenti, l’accesso ai bagni sarà consentito anche durante l’orario di lezione, previo permesso accordato dall’insegnante incaricato di valutare la sensatezza e la frequenza delle richieste, anche alla luce di un registro quotidiano delle uscite che i docenti si passeranno l’un l’altro onde evitare sgradevoli abusi.

I collaboratori e le collaboratrici scolastiche al piano avranno cura di monitorare la situazione onde evitare abusi e perdite di tempo strumentali.

Lavare le mani

Gli studenti devono lavarsi bene le mani, ogni volta che vanno al bagno, con sapone asciugandole con le salviette di carta usa e getta. In ogni bagno è affisso un cartello con le istruzioni per il corretto lavaggio delle mani. In ogni aula e negli spazi comuni è disponibile un dispenser con gel disinfettante.

Non è consentito usare asciugamani personali nei bagni, ma soltanto le salviette di carta usa e getta prelevate dai dispenser.

Merenda al banco dopo la sanificazione

Nella scuola primaria durante la ricreazione di 15 minuti, almeno (se ne consigliano, come fanno molte scuole, almeno 20 di minuti) o, se esiste, l’intervallo lungo, i bambini mangiano al banco dopo aver sanificato le mani.

È fatto obbligo di, indossare la mascherina se si decide di utilizzare il giardino, se c’è bel tempo, e, principalmente, se si decide di utilizzare l’area destinata (se esiste) appositamente a questo. Va, comunque, garantito il distanziamento di almeno un metro.

La scuola secondaria

Nella scuola secondaria è previsto un intervallo di 20 minuti effettivi, calcolando un tempo aggiuntivo che consentirà alle classi, secondo un preciso ordine, di accedere ai luoghi all’aperto destinati alla ricreazione.

La merenda è personale

La merenda è rigorosamente personale, non è ammesso alcuno scambio di cibi o bevande. Durante l’intervallo gli alunni potranno recarsi al bagno, con le medesime modalità previste per la pausa relax.

Le bottigliette d’acqua e le borracce degli alunni devono essere identificabili con nome e cognome.

I banchi devono rigorosamente essere mantenuti nella posizione in cui vengono trovati nelle aule.

L’azione educativa di genitori e docenti

I docenti e i genitori devono provvedere ad una costante azione educativa sui minori affinché evitino assembramenti, rispettino le distanze di sicurezza, lavino le mani e/o facciano uso del gel, starnutiscano o tossiscano in fazzoletti di carta usa e getta (dotazione a cura della famiglia), evitino di toccare con le mani bocca, naso e occhi.

Divieto di ingresso di cibo a scuola

Non si possono portare cibi e bibite da casa per festeggiare compleanni o altre ricorrenze.

Lo stesso dicasi relativamente alla prassi, non più ammissibile, di far recapitare, nel corso delle lezioni cibo e acqua per il tramite dei collaboratori scolastici ai propri figli. Il divieto di contatti fisici è da considerare vietato assolutamente e il trasporto del cibo di fatto espone al pericolo sia i collaboratori scolastici che gli alunni.

Scarica modello circolare

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia