Regolamento videosorveglianza, la sicurezza delle strutture scolastiche

WhatsApp
Telegram

Le finalità che l’istituzione scolastica intende perseguire con il progetto di videosorveglianza sono quelle rispondenti ad alcune delle funzioni istituzionali che fanno capo alla responsabilità dell’Istituto, quali ad esempio il controllo e la sorveglianza degli accessi, nonché la prevenzione di eventuali atti di vandalismo sui beni appartenenti all’Istituzione scolastica o solo temporaneamente collocati all’interno della struttura. La situazione sopra esemplificata comporta il controllo dei seguenti locali interni Atrio scuola – ingresso auditorium – ingresso sala professori.

Caratteristiche tecniche dell’impianto

Il sistema – come si evince dal regolamento dell’Istituto Comprensivo Istituto Comprensivo Statale 9° Cuoco Schipa di Napoli, diretto dal dirigente scolastico professoressa dott.ssa Angela Longo, esempio di capacità manageriale di grande competenza – è costituito da una rete di videocamere a circuito chiuso, collegato alla rete intranet dell’Istituto. Le immagini fornite possono essere esaminate da remoto, esclusivamente dalle persone appositamente autorizzate, in orari di assenza dal servizio del personale o in giorni festivi, in presenza di segnalati allarmi per intrusione, incendio o altro. Le immagini sono visionabili presso alcune ben definite e individuate postazioni che vanno elencate nel regolamento di istituto.

Responsabile della gestione e del trattamento delle immagini

Ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (“Codice in materia di protezione dei dati personali”), si individua nella persona del Dirigente scolastico quale responsabile della gestione e trattamento delle immagini, con il compito di vigilare sull’utilizzo dei sistemi e sul trattamento delle immagini e dei dati in conformità agli scopi perseguiti dall’Istituzione scolastica e alle altre disposizioni normative che disciplinano la materia, con particolare attenzione a quanto disposto in materia dall’Autorità Garante per la protezione dei dati personali. Il Dirigente scolastico designa e nomina gli incaricati a cui affida i compiti specifici e le prescrizioni per l’utilizzo dei sistemi.

Principi di pertinenza e di non eccedenza

Ai sensi del decreto legislativo. n. 196 del 30 giugno 2003 (“Codice in materia di protezione dei dati personali”) il trattamento effettuato mediante il sistema di videosorveglianza dell’Istituzione scolastica sarà improntato ai principi di correttezza, pertinenza e non eccedenza, liceità, necessità, proporzionalità e finalità e nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità delle persone, con particolare riferimento alla tutela della riservatezza, alla identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali delle persone. Con particolare riferimento ai principi di pertinenza e non eccedenza dei dati trattati rispetto agli scopi perseguiti – come si evince dal regolamento dell’Istituto Comprensivo Istituto Comprensivo Statale 9° Cuoco Schipa di Napoli – le telecamere saranno installate in modo tale da limitare l’angolo visuale delle riprese, evitando, quando non indispensabili immagini dettagliate, ingrandite o dettagli non rilevanti per non consentire la ripresa dei tratti somatici delle persone e di qualunque altro dettaglio idoneo alla loro identificazione. È vietato divulgare o diffondere immagini, dati e notizie di cui si è venuti a conoscenza nell’utilizzo degli impianti, nonché procedere a qualsiasi ingrandimento delle immagini al di fuori dei casi regolati dal presente regolamento. È altresì vietato utilizzare le immagini che anche accidentalmente dovessero essere assunte, per finalità di controllo anche indiretto sull’attività professionale dei dipendenti, secondo il disposto dell’art. 4 della Legge 20 maggio 1970 n. 300 (Statuto dei Lavoratori). Per tutto quanto non risulti dettagliatamente disciplinato nel regolamento, si deve, necessariamente, rinviare a quanto disposto dal Codice in materia di protezione dei dati personali e ai provvedimenti a carattere generale del Garante per la protezione dei dati personali.

Accertamenti di illeciti e indagini di Autorità Giudiziarie o di Polizia

Qualora dovessero essere rilevate immagini di fatti che possano portare ad ipotesi di reato o di eventi rilevanti ai fini della sicurezza pubblica o della tutela ambientale, l’incaricato della videosorveglianza può provvedere a registrare le immagini e a darne immediata comunicazione al Dirigente scolastico. In tali casi, in deroga alla puntuale prescrizione delle modalità di ripresa, l’incaricato potrà procedere agli ingrandimenti della ripresa delle immagini strettamente necessari e non eccedenti allo specifico scopo perseguito ed alla registrazione delle stesse su supporti magnetici. Alle informazioni raccolte ai sensi del presente articolo possono accedere solo gli organi di Polizia e l’Autorità Giudiziaria. Gli apparati potranno essere utilizzati anche in relazione ad indagini di Autorità Giudiziaria o di organi di Polizia.

Conservazione delle immagini e custodia dei supporti magnetici od ottici

Le registrazioni sono messe a disposizione dell’Autorità Giudiziaria o di altre pubbliche Autorità solo in presenza di provvedimenti da queste emanati. Le immagini eventualmente registrate – come si evince dal regolamento dell’Istituto Comprensivo Istituto Comprensivo Statale 9° Cuoco Schipa di Napoli – devono essere immediatamente cancellate se il Dirigente scolastico non dovesse ritenere di darne informazione agli organi di Polizia o all’Autorità Giudiziaria.

Informativa

Della presenza del servizio di videosorveglianza si darà ampia informazione a mezzo di apposita cartellonistica e un’espressa informativa su scopi e finalità del sistema di videosorveglianza sarà fornita alle famiglie degli studenti al momento dell’iscrizione e agli operatori scolastici al momento dell’assunzione in servizio, nonché agli operatori di aziende che prestano servizio continuo o provvisorio nell’edificio

Disposizioni di rinvio

Per quanto non dettagliatamente disciplinato nel documento regolamentare che adotterà ciascuna istituzione scolastica, si rinvia a quanto disposto dal Codice in materia di protezione dei dati personali e ai provvedimenti a carattere generale del Garante per la protezione dei dati personali.

Videosorveglianza_regolamento

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur