Regolamento valutazione. Profumo: “vedremo come procedere”. L’Europa ci guarda. Perchè il PD si oppone?

WhatsApp
Telegram

red – Dopo la notizia del parere favorevole del Senato, ma dell’opposizione del PD, il Ministro Profumo a margine del Consiglio Ue educazione in corso a Bruxelles, "sarà mio impegno al rientro fare un’analisi e sulla base di quella vedere come procedere". Puglisi chiede che sia fermato il provvedimento sulla valutazione: "Invalsi testificio"

red – Dopo la notizia del parere favorevole del Senato, ma dell’opposizione del PD, il Ministro Profumo a margine del Consiglio Ue educazione in corso a Bruxelles, "sarà mio impegno al rientro fare un’analisi e sulla base di quella vedere come procedere". Puglisi chiede che sia fermato il provvedimento sulla valutazione: "Invalsi testificio"

Il Partito Democratico ha idee ben precise sulla valutazione e vanno in direzione diversa rispetto alla proposta del Ministro Profumo e del regolamento appena approvato dal Senato.

Profumo ha previsto una valutazione a tre punte: Indire, Invalsi e corpo ispettivo. Il PD vuole soltanto una punta, con un unico istituto nazionale per la valutazione e la ricerca educativa che possa occuparsi della diffusione delle "buone pratiche didattiche". "Bisogna mettere fine al dualismo tra Indire e Invalsi. – afferma la Puglisi in una intervista rilasciata ad orizzontescuola.it – Serve appunto un sistema di valutazione unico del sistema scolastico (e non del docente), slegato dall’Invalsi che è ormai diventato un ‘testificio’."

Lo scontro si sposta, dunque, in campagna elettorale, con il PD che ha fatto della valutazione uno dei cardini del suo programma e PDL-Lega che rompono le uova nel paniere con il già espresso consenso a Profumo.Sulla faccenda c’è il mondo che ci guarda, con l’OCSE che preme, invitando a far digerire ai docenti dello stivale un sistema di valutazione del proprio sistema scolastico, e un’Europa che bacchetta, perché ci sia un allineamento ai paesi più avanzati

La decisione finale spetta al Ministro, anche sullo strumento da utilizzare per avviare la riforma, se continuare la via del regolmento o passare a quella del Decreto. Nei prossimi giorni sveleremo le sue intenzioni

Valutazione delle scuole, analizziamo il regolamento

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: corso di formazione Eurosofia. Webinar di presentazione il 26 luglio ore 17.00