Regolamento sulla privacy, anche le scuole dovranno adeguarsi. Responsabilità per DS e DSGA. Informazioni utili

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Dal 25 maggio saranno abrogate le disposizioni contenute nel DLGS 196 del 2003 relative alla privacy che andranno in conflitto con il nuovo regolamento che entrerà in vigore in quella data.

Cosa cambia

  • riconoscimento del diritto alla portabilità dei dati,
  • diritto all’oblio,
  • diritto per gli utenti di essere avvertiti entro 72 ore in caso i loro dati siano stati violati,
  • responsabilizzazione dei titolari del trattamento

Cosa dovranno fare le scuole

Come ogni altra amministrazione pubblica, le scuole dovranno nominare un RPD, un (Responsabile Protezione Dati) che dovrà occuparsi delle politiche della privacy dell’istituto e che sarà responsabile come il dirigente di eventuali violazioni del regolamento.

Tra gli adempimenti quello di adottare un registro in cui saranno inseriti i dati degli utenti sia che se ne venga in possesso in forma fisica che elettronica.

Le sanzioni per eventuali violazioni sono pesanti e coinvolgono anche dirigenti scolastici e direttori amministrativi.

Ecco una guida utile realizzata dal Garante della Privacy

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione