Regolamento contabile, programma annuale: relazione illustrativa, predisposizione e approvazione

di Nino Sabella

item-thumbnail

Pubblicato in gazzetta ufficiale il “Regolamento recante istruzioni generali sulla gestione amministrativo-contabile delle istituzioni scolastiche”.

Pubblicato il regolamento sulla gestione amministrativo-contabile delle scuole

Vediamo, in questa scheda, le disposizioni del nuovo Regolamento relative alla predisposizione e approvazione del programma annuale e alla relazione illustrativa che lo accompagna, ricordando quanto previsto per il programma annuale 2019.

Programma annuale e anno finanziario

Il programma annuale costituisce la “bussola” della gestione finanziaria delle scuole ed è redatto in coerenza con il PTOF. Tutti i fondi vanno gestiti nell’ambito del programma, escluse le gestioni economiche separate disciplinate dagli 25, 26 e 27 dello stesso Regolamento.

L’unità temporale della gestione è l’anno finanziario che va dal 1° gennaio al 31 dicembre dello stesso anno.

Relazione illustrativa

Al programma annuale va allegata una relazione illustrativa, che descrive dettagliatamente gli obietti da conseguire e la destinazione delle risorse in coerenza con le previsioni del PTOF.

La relazione:

  • espone sinteticamente i risultati della gestione in corso, alla data di presentazione del programma medesimo, e quelli del precedente esercizio finanziario
  • evidenzia le finalità e le voci di spesa di destinazione delle entrate derivanti da:

– contributo volontario delle famiglie

– erogazioni liberali

– sistemi di raccolta fondi o di adesione a piattaforme di finanziamento collettivo

La relazione, infine, laddove vi siano gestioni economiche separate, riporta gli elementi prescritti dagli articoli (del Regolamento):

  • 25/5: 

a) l’indirizzo economico produttivo;

b) gli obiettivi che si intendono perseguire;

c) le risorse umane e strumentali e le superfici dell’azienda con i relativi costi e le attivita’ didattiche che possono svolgersi con l’utilizzazione delle medesime;

d) le entrate e le spese complessive che l’azienda prevede rispettivamente di riscuotere e sostenere e, qualora non sia possibile prevedere il pareggio, le risorse finanziarie tratte dagli appositi accantonamenti dell’azienda o dall’eventuale avanzo di amministrazione dell’istituzione scolastica, necessarie per conseguirlo secondo quanto previsto dal comma 9. 

  • 26/4: 

a) il tipo di attività che si intende realizzare;

b) i criteri di amministrazione e le modalità della gestione;

c) gli obiettivi che si intendono perseguire;

d) le risorse umane e strumentali che si intendono utilizzare con i relativi costi e le attivita’ didattiche che possono svolgersi con l’utilizzazione delle medesime;

e) le entrate e le spese complessive che si prevede rispettivamente di riscuotere e sostenere.

  • 27/5:

a) il tipo di attività che si intende realizzare;

b) i criteri di amministrazione e le modalità della gestione;

c) gli obiettivi che si intendono perseguire;

d) le risorse umane e strumentali che si intendono utilizzare con i relativi costi;

e) le entrate e le spese complessive che si prevede rispettivamente di riscuotere e sostenere.

Predisposizione programma annuale

Il programma annuale:

  • è predisposto dal dirigente scolastico con la collaborazione del DSGA per la parte economico-finanziaria
  • è proposto dalla Giunta esecutiva, insieme alla relazione illustrativa, entro il 30 novembre dell’anno precedente a quello di riferimento, al Consiglio d’istituto che deve poi approvarlo (entro il 31 dicembre)
  • è sottoposto, insieme alla relazione illustrativa, sempre entro il 30 novembre, ai revisori dei conti per il parere di regolarità contabile; i revisori rendono, di norma, il parere entro il 31 dicembre dell’anno precedente a quello di riferimento (il parere può essere acquisito anche telematicamente ed essere verbalizzato successivamente)

Il Miur, ai fini della tempestiva elaborazione del programma, entro il 30 settembre di ciascun anno, eroga alle scuole la quota del fondo di funzionamento relativa al periodo settembre-dicembre dell’anno scolastico di riferimento e comunica quella relativa al periodo gennaio-agosto del medesimo anno.

La quota gennaio-agosto va erogata entro e non oltre il 28 febbraio dell’esercizio finanziario cui fa riferimento il programma annuale.

Approvazione programma annuale

Il Programma annuale è approvato con delibera del Consiglio di Istituto, entro il 31 dicembre dell’anno precedente a quello di riferimento.

La delibera va effettuata anche nel caso di mancata acquisizione del parere dei revisori dei conti entro la data fissata per la deliberazione medesima (31 dicembre).

L’approvazione del programma autorizza l’accertamento delle entrate e l’impegno delle spese nello stesso previste, fermo restando il dovere di procedere all’accertamento anche delle sole entrate non previste nel programma medesimo.

In caso di parere non favorevole dei revisori (anche reso dopo la delibera del Consiglio di Istituto), la scuola tiene conto delle osservazioni degli stessi e fornisce adeguata motivazione nel caso in cui queste ultime non vengano recepite.

Il programma annuale è pubblicato, entro quindici giorni dall’approvazione, nel Portale unico dei dati della scuola e nel sito web
di ciascuna istituzione scolastica – sezione “amministrazione trasparente”.

Disposizioni programma annuale 2019

Le disposizioni del nuovo Regolamento amministrativo-contabile entrano in vigore a partire dall’esercizio finanziario successivo a quello della loro entrata in vigore.

Pertanto il programma annuale dell’esercizio finanziario 2019 è elaborato ed approvato secondo le disposizioni del regolamento del 2001 (DI 44/01). Quanto ai tempi di redazione e approvazione, il Miur, dopo la proroga concessa in attesa dell pubblicazione del nuovo Regolamento, fornirà apposite indicazioni.

Regolamento

Versione stampabile