Il registro elettronico non è ancora obbligatorio, almeno finché il MIUR non avvia il Piano per la dematerializzazione

di Giulia Boffa
ipsef

GB – Secondo i Cobas Scuola di Savona per quest’anno il registro elettronico sarebbe ancora facoltativo.

GB – Secondo i Cobas Scuola di Savona per quest’anno il registro elettronico sarebbe ancora facoltativo.

L’articolo 7 (commi 29 e 31) del DL 95/2012, come convertito in legge, introduceva le pagelle ed registri on line, considerandoli come obbligatori a partire dal 2012/2013, ma il comma 27 dello stesso provvedimento afferma che il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca predispone entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto un Piano per la dematerializzazione delle procedure amministrative in materia di istruzione, università e ricerca e dei rapporti con le comunità dei docenti, del personale, studenti e famiglie.

“A ciò – spiegano i Cobas scuola Savona – è poi seguita la nota ministeriale Prot. AOODPPR Reg. Uff. n. 1682/ U del 2012 che in sostanza prorogava l’applicazione della considerata normativa rendendo dunque, con riferimento al registro elettronico, ad oggi facoltativo il suo utilizzo. Il termine come indicato dal decreto legge 95/2012 non è da considerarsi più perentorio, ma ordinatorio, dunque nessun obbligo sussiste per le scuole di dotarsi di registri elettronici, fino a quando non verrà realizzato il piano di dematerializzazione da parte del Miur”.

“Il piano – proseguono – dovrà essere approvato dal garante per la privacy che così scrive nella sua guida intitolata: ‘La privacy a scuola. Dai tablet alla pagella elettronica. Le regole da ricordare’: ‘Iscrizione e registri on line, pagella elettronica. In attesa di poter esprimere il previsto parere sui provvedimenti attuativi del Ministero dell’istruzione riguardo all’iscrizione on line degli studenti, all’adozione dei registri on line e alla consultazione della pagella via web, il garante auspica l’adozione di adeguate misure di sicurezza a protezione dei dati’”.

“Cosa si desume da tutto ciò? Che sia in tema di registri on line che pagelle di on line tutte le scuole che hanno deciso di provvedere a tale dotazione devono richiedere il parere consultivo del garante per venire a conoscenza se la normativa in tema di privacy sia stata rispettata o meno – evidenziano i Cobas -, in caso contrario si rischiano diffide e sanzioni da parte della stessa autorità con ovvi rischi di danni erariali.

“Dunque – concludono – fino a quando il Miur non provvederà alla realizzazione del citato piano il blocco della dotazione dei registri on line, per esempio, è atto dovuto e di buon senso, ciò anche per evitare una sorta di schizofrenia tra le varie scuole e situazioni diversificate con tutti i rischi del caso”.

 

 

Il registro elettronico rischia di essere illegittimo

 

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare