Registro elettronico, abbonamento Internet con bonus 500 euro. Lettera

Stampa
ex

Inviato da prof. Corradetti Claudio – Ultimamente nelle scuole si pretende sempre, con più insistenza, la compilazione istantanea del registro elettronico, ma spesso la fornitura che fornisce la scuola è scadente, le reti wifi non funzionano bene o in modo alternato e quindi creano problemi ai docenti, soprattutto alla prima ora di lezione, quando c’è da registrare la presenza/assenza degli alunni.

La mia proposta è la seguente: visto che percepiamo il bonus docenti di Euro 500 ogni anno, considerato che oggi tutti siamo in possesso di cellulari, tablet e quant’altro, potremmo essere autorizzati a pagare gli abbonamenti mensili delle varie società di telefonia, prelevando i costi dal portafoglio bonus ( si tratta di cifre minime euro 10/15 al mese).

Le scuole risparmierebbero dei bei soldini, non dovranno più acquistare attrezzature da fornire ai docenti, non si devono dotarsi più di rete wifi che oltretutto, anche se ancora non è scientificamente provato, potrebbe fare male; mi pare di aver letto che un genitore, la cui figlia affetta da Epilessia, aveva riscontrato che la rete wifi poteva essere causa di peggioramenti per la sua patologia, ha fatto un ricorso contro la scuola e lo ha vinto, costringendo la scuola a rimuovere la rete Wifi.

In conclusione questa proposta sarebbe a costo zero si risparmierebbe denaro pubblico e minor rischio per la salute di studenti e operatori nelle scuole.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia