Registro elettronico, 53% docenti da noi intervistati usa proprio dispositivo e propria connessione

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Questo il risultato di un sondaggio lanciato dalla nostra redazione relativamente all’utilizzo del registro elettronico nelle scuole italiane.

Il sondaggio, lanciato poco tempo fa sulle modalità di utilizzo del registro nelle scuole a seguito di numerose segnalazioni di nostri utenti.

Problematiche segnalate

Infatti, secondo quanto segnalato tramite email, erano numerosi i casi in cui i docenti non potevano usufruire di attrezzature date in dotazione dalla stessa amministrazione per permettere l’aggiornamento in tempo reale del registro.

Tra tablet non funzionanti e spese individuali per acquisto di attrezzature, il panorama prospettato si è palesato per alcuni versi disarmante.

Abbiamo, quindi, deciso di lanciare un sondaggio tra i nostri utenti di FaceBook a cui hanno partecipato un migliaio di docenti.

Registri presenti in tutte le scuole, ma scarsa dotazione

Il risultato da un lato ci dimostra che i registri sono ormai diffusi in quasi tutte le scuole, infatti soltanto l’1% ha risposto di non utilizzarlo, ma risulta invece disarmante se si prendono in considerazione le risposte relative alle attrezzature.

Infatti, solo il 16% risponde di aver ricevuto da scuola dispositivo e linea di connessione, mentre il 28% afferma di usare un proprio dispositivo.

Il dato più allarmante è quello relativo ai docenti che utilizzano un dispositivo proprio e una propria connessione, pari al 53% dei partecipanti al sondaggio

Versione stampabile
anief anief
soloformazione