Le Regioni chiedono un apprendistato più snello per recuperare gli abbandoni scolastici

WhatsApp
Telegram

 Red – Le Regioni hanno presentato al ministro del Lavoro, Elsa Fornero, un pacchetto di proposte per valorizzare l’apprendistato, in particolare quello di primo livello che riguarda i giovani tra i 15 e i 25 anni e offre loro l’occasione di entrare nel mercato del lavoro, e al tempo stesso, di acquisire un titolo di studio. 

 Red – Le Regioni hanno presentato al ministro del Lavoro, Elsa Fornero, un pacchetto di proposte per valorizzare l’apprendistato, in particolare quello di primo livello che riguarda i giovani tra i 15 e i 25 anni e offre loro l’occasione di entrare nel mercato del lavoro, e al tempo stesso, di acquisire un titolo di studio. 

Le proposte mirano a sollevare il datore di lavoro dalla remunerazione del tempo dedicato alla formazione strutturata, estendere lo sgravio contributivo, che consiste nell’azzeramento dei contributi per i primi tre anni di contratto, anche alle aziende con più di dieci dipendenti. E per chi non raggiunge nei termini di durata del rapporto la qualifica o il diploma professionale, prevedere la possibilità per l’impresa di stipulare (con lo stesso soggetto) un nuovo contratto.
 
Gli ultimi dati Isfol parlano di 504.558, in calo del 6,9% rispetto al 2010, di cui una fetta ridottissima interessa i minori: sono appena 6.643 (l’1,3% del numero complessivo di apprendisti).
 
Le regioni chiedono quindi di semplificare le procedure per richiedere l’apprendistato, che prevedono dal 1 gennaio 2013 un aumento contributivo dell’1,61% (per estendere l’Aspi ai lavoratori con qualifica di apprendista) e  un vincolo di stabilizzazione per le imprese con almeno 10 dipendenti (nei primi tre anni al 30%, per poi salire al 50%) per assumere nuovi apprendisti.
 
Preoccupa anche lo scarso utilizzo per "l’eccessiva onerosità per le aziende e la mancata corrispondenza tra durata contrattuale e durata del percorso formativo". L’esigenza delle Regioni è quindi "rendere più conveniente questa tipologia di apprendistato che può dare un importante contributo pure al recupero dell’abbandono scolastico",come afferma l’assessore regionale al lavoro della regione Toscana, e coordinatore degli assessori regionali al lavoro, Gianfranco Simoncini.
 
Le Regioni chiedono inoltre di semplificare gli adempimenti formativi degli apprendisti assunti in quelle imprese che hanno sedi in diversi territori e si chiede di coinvolgere i Fondi paritetici interprofessionali "nella costruzione di un sistema integrato di formazione per l’apprendistato" per quanto riguarda le risorse.
 
La Fornero non ha respinto le proposte, che potrebbero essere approfondite dal nuovo Governo, regioni e parti sociali in una sorta di "conferenza nazionale sull’apprendistato".

WhatsApp
Telegram

Concorso Insegnanti di Religione Cattolica. Scegli il corso specifico di Eurosofia con esempi di unità didattiche. Guarda la demo