Regione Puglia appoggerà ricorsi genitori contro vaccinazioni obbligatorie

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Governatore della Regione Puglia è intervenuto sulla questione dell’obbligo dei vaccini, dopo un incontro avvenuto nelle in queste ore con associazioni di genitori contrarie all’obbligo. “Non mi farò dividere la Puglia”, ha detto Emiliano, in favorevoli e contrari “da chi a Roma, non avendo molto altro da fare, si diverte a scatenare guerre” che “poi dobbiamo affrontare noi, province dell’impero”.

Alle associazioni in questene, Michele Emiliano ha offerto il sostegno della Regione nei ricorsi che questi faranno contro la legge consentendo così una valutazione della costituzionalità del provvedimento. Per Emiliano, “i ricorsi che i cittadini faranno davanti ai giudici e poi le eventuali ordinanze dei giudici alla Corte Costituzionale hanno buone prospettive di successo”. “Perché – ha rilevato – la legge ha molti errori, molti ‘vulnus’ e punti di eccesso che potrebbero lasciare alla Corte Costituzionale la possibilità di modificare, in tutto o in parte, gli errori commessi dal Parlamento”. Emiliano ha precisato di essere “contrario a questa legge: sono convinto – ha detto – che l’obbligo stia costruendo una opposizione alla volontà di vaccinarsi più forte di quella che esisteva in precedenza”. Il governatore ha anche chiesto ai rappresentanti del mondo della scuola, presenti all’incontro, di affiancare i genitori in questo percorso che potrebbe “portare a una correzione della normativa, affinché si torni verso la legge precedente” che vedeva la “Puglia prima in Italia”. Emiliano, rimarcando poi che questa legge lo “indispettisce” e che “non se ne sentiva il bisogno, almeno in Puglia”, ha sottolineato che contro la normativa che rende le vaccinazioni obbligatorie non c’è una opposizione di tipo “politico” o “strumentale”. E ha infine definito “velleitaria” una eventuale impugnativa da parte della Regione Puglia che, comunque, sta valutando “l’esistenza di un conflitto di attribuzioni”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare