Regione Lombardia: presidi selezionati in lombardia. PD chiede sanatoria come in Sicilia

Di
WhatsApp
Telegram

red – "I posti devono essere assegnati in via prioritaria se non esclusiva a docenti che vengono selezionati in Lombardia per diventare dirigenti". Ad affermarlo è l’assessore all’istruzione della Regione, Valentina Aprea. "Chiederemo altri duecento posti in organico". Pacifico: "si rischia un contenzioso senza fine". Il Partito Democratico chiede una sanatoria come in Sicilia.

red – "I posti devono essere assegnati in via prioritaria se non esclusiva a docenti che vengono selezionati in Lombardia per diventare dirigenti". Ad affermarlo è l’assessore all’istruzione della Regione, Valentina Aprea. "Chiederemo altri duecento posti in organico". Pacifico: "si rischia un contenzioso senza fine". Il Partito Democratico chiede una sanatoria come in Sicilia.

Dopo il comunicato stampa di ieri che chiedeva al ministro profumo di "bruciare le tappe", anticipando l’udienza del Consiglio di Stato fissata al 20 novembre relativamente ai ricorsi accolti dal Tar Lombardia per la violazione della privacy a seguito dell’utilizzo di "buste trasparenti" contenenti i dati dei candidati

Ma ciò non basta a Valentina Aprea, chiede anche che "ci siano almeno altri duecento posti in organico in Lombardia per poter gestire nelle scuole rimaste senza dirigenti" e che i dirigenti lombardi vengano selezionati in Lombardia, probabilmente temendo che giungano da fuori regione per coprire i posti vacanti, cosa che comunque garantirebbe il corretto avvio dell’anno scolastico, anche per gli anni futuri.

Sulla faccenda interviene anche il presidente dell’ANIEF e delegato ai quadri e direttivi della Confedir, Marcello Pacifico: “A questo punto nel caso in cui la politica dovesse intervenire sulle vertenze in atto, è evidente che dovrà necessariamente essere assicurato il diritto dei ricorrenti alla rinnovazione della prova concorsuale, al di là delle tutele che potrebbero essere offerte ai candidati che hanno superato il concorso”.

In caso contrario – conclude Pacifico – il contenzioso non avrebbe mai fine. Anzi, si renderebbe, di fatto, ingestibile la direzione di migliaia di istituzioni scolastiche. Con la pratica delle reggenze, anche di diversi istituti, destinata a moltiplicarsi anziché ad estinguersi”.

Da canto suo L’On. Rusconi ha presentato una interrogazione parlamentare con la quale chiede al Ministro un intervento politico urgente per risolvere il contenzioso, prendendo ad esempio la legge n. 202 del 3 dicembre 2010 ("Norme per la salvaguardia del sistema scolastico in Sicilia e per la rinnovazione del concorso per dirigenti scolastici indetto con decreto direttoriale 22 novembre 2004, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, 4a serie speciale, n. 94 del 26 novembre 2004") consentì un provvedimento di sanatoria per il concorso per dirigenti scolastici per la Regione Sicilia.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur