Regionalizzazione Scuola, iter in salita? Non se ne parlerà nel CdM del 15 febbraio

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il 15 febbraio, come già riferito, si sarebbe dovuta discutere in Consiglio dei Ministri la proposta dello Stato in merito all’autonomia differenziata.

Regionalizzazione scuola

Tra le materie, per le quali le regioni Veneto, Emilia Romagna e Lombardia chiedono più autonomia, vi rientra l’istruzione.

Tre le novità che la succitata regionalizzazione dovrebbe introdurre ricordiamo le seguenti:

  • ruolo regionale DS
  • ruolo regionale neoassunti e supplenti
  • possibilità di scelta per i docenti già assunti, se confluire o meno nei ruoli regionali.

Ne abbiamo parlato oggi in Regionalizzazione: interessa docenti neoassunti, Presidi ma anche docenti già di ruolo. L’ultima bozza

Regionalizzazione: rinvio data del 15 febbraio

Nel Consiglio dei Ministri del 15 febbraio, come riferisce la Flc Cgil, la regionalizzazione non sarà discussa:

Da tempo abbiamo chiesto al Governo di fermarsi, di bloccare la deriva pericolosa che si può innescare con la cosiddetta autonomia differenziata. Ora apprendiamo che il Consiglio dei Ministri che il 15 febbraio avrebbe dovuto prendere una decisione in merito non ne discuterà, rinviando la questione

Non si sanno ancora i motivi del rinvio:

Il rinvio – prosegue la Flc Cgil – è una buona notizia solo se prelude ad un definitivo abbandono di un processo che, per quanto riguarda la scuola e l’istruzione, configura un regionalismo secessionista e disgregatore che rigettiamo nettamente“.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione