Regionalizzazione Scuola, Gallo (M5S): prima definizione servizi essenziali

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Presidente della VII Commissione Cultura della Camera, Luigi Gallo (M5S), interviene ancora contro il processo di autonomia avviato dal Veneto, dalla Lombardia e dall’Emilia Romagna. Processo che, qualora portato a termine, renderà regionale anche l’Istruzione. 

Commentando un articolo di Paola Nugnes su Repubblica, relativo ad una lettera indirizzata dal governatore del Veneto Zaia ai cittadini del Sud, il Presidente così scrive su FB:

Ti interessa, riguarda la tua vita. Il tifo lasciamolo allo sport. È questo che il m5s ha il compito di fare nel paese, accompagnare forme di democrazia diretta con un dibattito continuo e informato su tutti i temi politici che interessano la vita dei cittadini. Senza la definizione dei servizi essenziali dove ci sono 0 asili nido resteranno 0 asili nido anche nel futuro, dove non c’è mensa scolastica continuerà a non esserci mensa scolastica, dove non c’è trasporto per disabili mancheranno sempre soldi dallo stato centrale per i trasporti dedicati ai diversamente abili.

Luigi Gallo, dunque, ribadisce che prima di qualsiasi riforma autonomistica è necessario procedere alla definizione dei servizi essenziali.

Qui il video relativo all’evento “L’autonomia del nord, tra indivisibilità della Repubblica e diritti del mezzogiorno”:

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione