Regionalizzazione scuola, Fratelli d’Italia dice no: “Si creerebbe ulteriore divario Nord-Sud”

Stampa

“Nella manovra di Bilancio 2022-2024 il governo vuole inserire il disegno di legge sull’autonomia differenziata che, tra tanto altro, interesserebbe anche il mondo della Scuola, visto che comporterebbe la regionalizzazione della Istruzione”. Lo dichiara Ella Bucalo, deputato di Fratelli d’Italia e responsabile del Dipartimento Scuola.

In pratica, dunque, le scuole italiane sarebbero gestite in modo autonomo dalla Regione di competenza e attraverso concorsi non più nazionali ma territoriali verrebbero ‘reclutati’ i docenti, con trattamento economico diversificato regione per regione. Diversa anche l’offerta formativa agli studenti“, prosegue la deputata di Fratelli d’Italia.

Di fatto, dunque, si creerebbe un ulteriore divario nord-sud in un settore, l’istruzione, che deve essere unico per l’intera Nazione“, conclude.

Regionalizzazione scuola, si riapre una strada tramite la legge di bilancio. Dagli stipendi al reclutamento: ecco cosa potrebbe cambiare

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur