Nuovi assunti saranno dipendenti regionali. Stipendi più alti, più difficile la mobilità

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Conto alla rovescia per la regionalizzazione dell’Istruzione. L’iter per l’autonomia differenziata farà un passo avanti il 15 febbraio, data in cui si dovrebbe tenere l’incontro fra Governo e Regioni.

Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna si battono dall’inizio della legislatura per una maggiore autonomia in diverse materie, a partire appunto dal sistema scolastico.

La regionalizzazione dovrebbe comportare anche il trasferimento del personale scolastico dalle dipendenze statali a quelle regionali, ma con alcuni distinguo. Tuttavia, secondo quanto risulta ad alcuni quotidiani, questa condizione è stata richiesta da Veneto e Lombardia, ma non dall’Emilia Romagna.

Il 23% dei dipendenti nel mondo della scuola potrebbero diventare dipendenti regionali e non più statali.  Secondo i calcoli di Italia Oggi, si tratta di 132 mila lavoratori in Lombardia e di 65 mila in Veneto.

Le nuove norme riguarderebbero solo i neoassunti, a partire probabilmente dai prossimi concorsi. Chi è già in servizio, invece continuerà a vantare lo status di dipendente statale fino alla pensione.

I progressi sul processo di regionalizzazione del sistema scolastico sono confermati anche da un articolo sul Sole 24 Ore che ha raccontato i commenti di Luca Zaia, governatore del Veneto, al termine di un vertice leghista fra il vice presidente del Consiglio, Matteo Salvini, il sottosegretario al consiglio dei Ministri, Giancarlo Giorgetti, e la ministra per gli Affari regionali, Erika Stefani. “Siamo a buon punto – avrebbe assicurato Zaia – la data del 15 febbraio sarà rispettata“.

Stipendi

Per quanto riguarda gli stipendi – scrive il Corriere –  la retribuzione base resta nazionale, ma  le Regioni potranno proporre contratti di secondo livello, incentivi e premi che potranno servire a trattenere gli insegnanti, rendendo però più onerosa la scuola per i contribuenti.

La mobilità

La regionalizzazione avrebbe come effetto anche la stabilizzazione del personale nelle regioni dove si comincia a lavorare, a dispetto della bocciatura dell’emendamento nel decreto semplificazioni che prevedeva il blocco dei cinque anni per il personale in servizio.

Per poter richiedere trasferimento, a questo punto, per i neoassunti serviranno accordi tra Regioni o tra la Regione e l’amministrazione centrale. Per i docenti già di ruolo non cambia nulla.

L’iter del DDL

Ricordiamo che il ddl, una volta approvato, dovrà seguire l’iter legislativo ordinario, quindi l’entrata in vigore potrebbe non essere prossima.

Versione stampabile
soloformazione